sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 settembre 2019 
LunMarMerGioVenSabDom
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>>


COMUNE DI ROMA: INTERPELLANZA DI BONINO ED ALTRI

Interpellanza

 

Al Presidente del consiglio dei ministri

 

premesso che:

 

  • L'art. 78 del DL 25 giugno 2008, n.112, convertito dalla Legge 6 agosto 2008, n. 133, dispone la nomina del Sindaco di Roma a "commissario straordinario del Governo per la ricognizione della situazione economico-finanziaria del Comune e delle societ√† da esso partecipate.....e per la predisposizione ed attuazione di un piano di rientro dall'indebitamento pregresso";

 

L'art. 5, comma 1, del DL 7 ottobre 2008, n. 154, convertito dalla Legge 4 dicembre 2008, n. 189, provvede alla assegnazione di un contributo ordinario di 500 milioni per l'anno 2008, "finalizzato al rimborso alla Cassa depositi e prestiti della somma erogata a titolo di anticipazione finanziaria ai sensi dell'art 78, comma 8, del DL 25 giugno 2008.... Al rimborso provvede direttamente il Ministero dell'economia e delle finanze, in nome e per conto del Comune di Roma.";

 

  • L'art. 5, comma 3, del DL 7 ottobre 2008, n. 154, convertito dalla Legge 4 dicembre 2008, n. 189, dispone inoltre che "In sede di attuazione dell'articolo 119 della Costituzione, a decorrere dall'anno 2010 viene riservato prioritariamente a favore di Roma Capitale un contributo annuale di 500 milioni di euro, anche per le finalit√† previste dal presente comma, nell'ambito delle risorse disponibili";
  • Con DPCM del 5 dicembre 2008 - il cui testo non √® stato pubblicato in GU¬† - viene approvato il piano di rientro e l'individuazione delle coperture;
  • A seguito dell'approvazione di un emendamento in occasione dell'esame parlamentare del ddl di conversione del DL 2/2010, viene inserito, all'art. 4, il seguente¬† comma:
  • "8-bis. Con decreto del Presidente del Consiglio dei¬† Ministri,¬† da emanare entro trenta giorni dalla data di¬† entrata¬† in¬† vigore¬† della legge di conversione del presente decreto, e' nominato un Commissario straordinario del Governo per la gestione del piano di rientro di cui all'articolo 78 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito,con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n.¬† 133,¬† e¬† successive modificazioni, gestito con separato bilancio e approvato con¬† decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 5 dicembre 2008. A¬† partire dalla data di nomina del nuovo Commissario, il sindaco del comune¬† di Roma cessa dalle funzioni di Commissario¬† straordinario¬† del¬† Governo per la¬† gestione¬† dello¬† stesso¬† piano¬† di¬† rientro.¬† Il¬† Commissario straordinario del Governo procede alla definitiva ricognizione¬† della massa attiva e della massa passiva rientranti nel predetto¬† piano¬† di rientro. Per il comune¬† di¬† Roma,¬† con¬† decreto¬† del¬† Presidente¬† del Consiglio¬† dei¬† Ministri,¬† sono¬† fissati¬† i¬† nuovi termini¬† per ¬† la deliberazione¬† del¬† bilancio¬† di¬† previsione¬† per¬† l'anno¬† 2010,¬† per l'approvazione¬† del¬† rendiconto¬† relativo¬† all'esercizio¬† 2009, ¬† per l'adozione della delibera di cui all'articolo 193, comma 2, del testo unico delle leggi sull'ordinamento¬† degli¬† enti¬† locali,¬† di¬† cui¬† al decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, e per l'assestamento¬† del bilancio¬† relativi¬† all'esercizio¬† 2010.¬† Ai¬† fini¬† di¬† una¬† corretta imputazione al piano di rientro, con riguardo¬† ai¬† commi¬† 2,¬† 3¬† e¬† 4 dell'articolo 248 e al comma 12 dell'articolo 255¬† del¬† citato¬† testo unico di cui al decreto legislativo n. 267 del 2000, il primo periodo del comma 3 dell'articolo 78¬† del¬† decreto-legge¬† n.¬† 112¬† del¬† 2008,convertito, con modificazioni,¬† dalla¬† legge¬† n.¬† 133¬† del¬† 2008,¬† si interpreta nel senso che la gestione commissariale del comune assume, con bilancio separato rispetto a¬† quello¬† della¬† gestione¬† ordinaria,tutte le obbligazioni derivanti da fatti o atti posti in essere¬† fino alla data del 28 aprile 2008, anche qualora le stesse siano accertate e¬† i¬† relativi¬† crediti¬† siano¬† liquidati¬† con¬† sentenze ¬† pubblicate successivamente alla medesima data¬Ľ;

 

l'approvazione dell'emendamento al DL 2/2010 è stata notoriamente e pubblicamente voluta e sollecitata dalla stessa amministrazione capitolina, a fronte della sua evidente incapacità nel gestire la situazione del bilancio, nonostante i numerosi provvedimenti adottati a livello governativo - e citati in premessa - compresa la nomina a commissario straordinario del sindaco Alemanno e l'approvazione del piano di rientro, avvenuta all'inizio di dicembre 2008;

 

  • numerosi articoli di stampa denunciano uno stato di grave pericolosit√† della situazione economica e finanziaria del Comune di Roma (il Sole 24 ore del 3 marzo parla di un debito di 12 e pi√Ļ miliardi di euro), mentre altri articoli fanno riferimento al mancato impegno - in assenza della manovra di bilancio per il 2010 - per una serie di servizi di pubblica utilit√† che non potranno cos√¨ essere erogati ai cittadini;

 

-in ogni caso, la situazione appare precipitare in tempi rapidissimi: si è passati dai 6,8 miliardi di debito attribuiti alla precedente Giunta, ai 9,5 miliardi denunciati da Alemanno al momento del suo insediamento, agli attuali paventati 12 miliardi; il tutto in una situazione di totale mancanza di informazione e trasparenza, senza che sia stato mai pubblicato dal Commissario Alemanno il bilancio straordinario del Comune, quello dedicato al risanamento, malgrado il Parlamento, in sede di approvazione del decreto 2/2010, abbia approvato un ordine del giorno che lo impegnava a farlo;

 

per sapere

 

- Quale sia ad oggi l’effettiva entità del debito del comune di Roma, e come esso sia composto;

 

-in particolare se, in base alle informazioni di cui √® in possesso il governo, corrisponde a verit√† che il debito sia aumentato di oltre 3 miliardi di euro in regime di commissariamento tuttora in corso affidato allo stesso sindaco Alemanno, rispetto alla quantificazione ufficiale delle passivit√† rilevate per il periodo antecedente al 28 aprile 2008. Quantificazione, che egli aveva fornito ufficialmente nel settembre 2008, di 1,8 miliardi di euro di ‚Äúextradeficit‚ÄĚ da sommare a un debito di ammortamento pari a circa 6,9 miliardi di euro, per un disavanzo complessivo di circa 8,6 miliardi di euro.

 

- se sia stata messa in atto da parte dei Ministeri dell’Interno e dell’Economia l’attività di monitoraggio e di controllo sull’attuazione del piano, espressamente prescritta dall’art. 6 comma 1 del DPCM 5 dicembre 2008, che prevede la comunicazione trimestrale da parte dell’autorità commissariale dei flussi di cassa, degli incassi e dei pagamenti. In caso affermativo, cosa risulti  da tali relazioni non essere stato messo in opera rispetto a quanto previsto nel piano di rientro.

 

Se non ritenga  che tutte le informazioni relative al bilancio degli enti locali, ai sensi del TUEL, dovrebbero essere portate a conoscenza dei cittadini, e che questo valga in particolare  nel caso di Roma, il cui statuto peraltro  già recepisce tale principio,  considerata la situazione di preoccupazione ed incertezza fortemente avvertita dalla cittadinanza romana; preoccupazione aggravata anche dalle recenti affermazioni pubbliche   del Commissario  straordinario del governo e dell’assessore al Bilancio, Maurizio Leo (che è anche deputato Pdl), che hanno candidamente dichiarato  di aver perso il polso della situazione e di aver bisogno della nomina di un nuovo commissario per ri-quantificare la massa attiva e quella passiva.

 

Se in ultimo, a giudizio del Presidente del Consiglio, non si appalesi dietro le complesse e talora oscure procedure sopra menzionate un’operazione tendente a trasferire allo Stato il debito del Comune di Roma, anche quello prodotto e accumulato dalla Giunta in carica, con ciò dando al presunto risanamento delle finanze capitoline il valore di un intervento a carico dei contribuenti italiani, senza dunque attivazione alcuna di quella strategia del buongoverno a cui, fin dall’inizio del mandato, si è voluta richiamare il Sindaco Alemanno.

 

 

Emma Bonino

Luigi Zanda

Lucio D'Ubaldo

Riccardo Milana

Lionello Cosentino

Mario Gasbarri

Franca Chiaromonte

Achille Passoni

Donatella Poretti

Claudio Micheloni

Marilena Adamo

Fabrizio Morri

Roberto Di Giovan Paolo

Raffaele Ranucci

Vincenzo Vita

Marco Perduca

 

 

 





Altri articoli su:
[ Unione Europea ]

Comunicati su:
[ Unione Europea ]

Interventi su:
[ Unione Europea ]


- WebSite Info