sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 luglio 2019 
LunMarMerGioVenSabDom
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> Il Giorno


"FINALMENTE LA PARITA' TRA UOMO E DONNA"

Il Giorno - 11 giugno 2010

L'Europa ci ha costretti a fare la cosa giusta. Ora tocca al privato

di Nuccio Natoli

"Sembra incredibile ma in Italia per fare le cose giuste dobbiamo farci mettere con le spalle al muro. Comunque va bene così". Lo scalone che nel pubblico impiego, dal 2012, porta a 65 l'età per la pensione di vecchiaia delle donne è salutato come un buon risultato da Emma Bonino.

Quindi, stavolta, il governo ha fatto la scelta giusta.

"Precisiamo, il governo è stato obbligato a muoversi. Rischiare multe salatissime (714mila euro al giorno, ndr.) in un momento come questo sarebbe stato davvero ridicolo".

Comunque l'ha fatto...

"Il punto non è che è stato fatto oggi, il punto è che i nostri governi, sia quelli guidati da Berlusconi, sia quello di Prodi, hanno dormito per sette anni. L'Ue ci ha chiesto di aumentare a 65 l'età per le pensioni non poche settimane fa, ma nel 2004".

In altre parole, non è colpa dell'Ue.

"Evidente. La colpa dello scalone è di chi ha governato in tutti questi anni preferendo fare finta di nulla e pensando che non sarebbe successo niente. C'è solo da sperare che la vicenda delle pensioni serva da monito per i comportamenti futuri".

Ue o non Ue, lei, da donna, da anni sostiene che va parificata l'età della pensione tra uomini e donne. Le donne, però, non è che siano molto contente.

"Purtroppo molte donne non hanno capito che proprio sull'ipotetico vantaggio dell'età pensionabile si costruiscono tutti gli svantaggi che pesano su di loro".

Si riferisce ai limiti nelle carriere, nell'entrata nel mondo del lavoro, nel doppio impegno con la gestione della cosa?

"Sono fatti tutti veri. Aggiungiamoci la cura dei figli, la mancanza di asili nido, eccetera. E` tutto il quadro che è a svantaggio delle donne. Non è un caso che in Italia le donne che lavorano sono il 46%, e in Europa il 60%. E' un sistema balordo che impedisce all'Italia di sfruttare quella grande risorsa che sono le donne".

E ora che cosa succede?

"Che, almeno nel pubblico impiego, non ci sono più alibi".

Significa che la regola dovrebbe applicarsi anche al settore privato?

"Certo, sono anni che lo sostengono. Però, una cosa va detta e si deve vigilare affinché accada".

Quale?

"Il ministro Giulio Tremonti non deve fare il furbo. I soldi che si risparmiano non devono servire a fare cassa. Fino all'ultimo centesimo devono essere utilizzati per le politiche di sostegno a favore delle donne, per gli asili nido, per il doposcuola, per l'assistenza domiciliare agli anziani. I risparmi saranno notevoli".

In concreto che cosa bisognerebbe fare?

"Dare i soldi che si risparmieranno ai Comuni, obbligandoli a usarli per le politiche di sostegno alle donne e alle famiglie".





Altri articoli su:
[ Economia ] [ Italia ] [ Unione Europea ]

Comunicati su:
[ Economia ] [ Italia ] [ Unione Europea ]

Interventi su:
[ Economia ] [ Italia ] [ Unione Europea ]


- WebSite Info