sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 luglio 2019 
LunMarMerGioVenSabDom
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> Il Manifesto


NONOSTANTE LA LEGGE SI CONTINUA A MORIRE DI ESCISSIONE

Il Manifesto - 21 agosto 2010

di Carlotta Caldonazzo

Ieri il procuratore generale egiziano Abdel Meguid Mahmoud ha deferito al tribunale penale di Menufiya una dottoressa egiziana dello stesso governatorato, accusata della morte per emorragia di una ragazza cui aveva praticato l'escissione. La dottoresa Fatheya Mohamed Ahmed Eweida si trova in detenzione preventiva con l'accusa di pratica illegale e omicidio colposo. Il ministro per la famiglia Mouchira Khattab avrebbe sporto denuncia al procuratore generale per fargli avviare un'inchiesta sul caso. La vittima, la 13enne Nermine el-Haddad, è morta nei giorni scorsi in seguito ad una forte emorragia provocata dall'escissione e il suo corpo era è stato seppellito di nascosto dai genitori, che temevano di essere incriminati. Un'altra dottoressa, venuta a conoscenza dell'accaduto, avrebbe diffuso la notizia della morte di Nermine. La polizia infine ne sarebbe stata informata attraverso una segnalazione anonima alla linea telefonica creata dal governo a difesa dell'infanzia, la Childcare Hotline 1600. 
L'escissione rientra nella categoria delle mutilazioni genitali¬†femminili e comporta l'asportazione del clitoride e di parte¬†delle piccole labbra. Delle Mgf non c'√® traccia n√© nel Corano¬†n√© nella Bibbia, ma hanno origine nelle tradizioni dell'antico¬†Egitto. Ancora oggi secondo una ricerca effettuata al Cairo nel¬†2005, circa il 95% delle donne egiziane, indifferentemente cristiane¬†o musulmane, viene sottoposto a queste pratiche. Le famiglie¬†che permettono che le figlie subiscano le Mgf credono¬†di preservarne in tal modo la castit√†. Tuttavia tra le conseguenze¬†delle Mgf (a parte l'assenza di igiene in cui vengono¬†praticate), ci sono il rischio di morte per emorragia, il dolore e¬†l'estrema difficolt√† durante la minzione, nel periodo mestruale¬†e ovviamente nei rapporti sessuali e nel parto.¬†Nel 1994 il ministro della sanit√† egiziano, dopo un documentario¬†della Cnn si terribili effetti di queste pratiche, ha stabilito¬†che esse potessero essere effettuate soltanto da personale¬†medico negli ospedali pubblici. La messa al bando arriva solo¬†nel 2007, dopo la morte di una ragazza di 12 anni. Nel giugno¬†2008 Mouchira Khattab ha fatto approvare una legge che¬†classifica le Mgf come crimine, stabilendo una pena massima¬†di 2 anni e mille dollari di multa per i medici che le praticano¬†e il carcere da tre mesi a due anni per i genitori delle vittime.¬†La stessa Khattab promuove programma ¬ęFgm Free Village¬†Model¬Ľ, avviato nel 2003, sugli strumenti legali per, prevenire¬†le mutilazioni.¬†
La vicepresidente del senato Emma Bonino √® intervenuta¬†sull'accaduto sollecitando l'appoggio del governo italiano alla¬†campagna per far approvare una risoluzione all'Onu contro¬†le Mgf. A promuoverla da dieci anni sono diverse Ong insieme¬†a vari soggetti istituzionali. Secondo lei l'Egitto √® uno dei¬†paesi pi√Ļ impegnati contro le Mgf, anche grazie alla legge del¬†2008 e alle campagne realizzate alla radio e alla televisione.¬†Sui 28 stati africani interessati dal fenomeno 9 non hanno ancora¬†varato leggi per bandirlo.

 






Altri articoli su:
[ Africa ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Egitto ] [ Medio Oriente ] [ Moushira Khattab ] [ Stop FGM! ]

Comunicati su:
[ Africa ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Egitto ] [ Medio Oriente ] [ Moushira Khattab ] [ Stop FGM! ]

Interventi su:
[ Africa ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Egitto ] [ Medio Oriente ] [ Moushira Khattab ] [ Stop FGM! ]


- WebSite Info