sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 luglio 2019 
LunMarMerGioVenSabDom
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> La Repubblica (Ed. Roma)


CONSULTORI SOLO PER SPOSI? BONINO: "UNA LEGGE SBAGLIATA"

La Repubblica (Ed. Roma) - 5 ottobre 2010

Protesta contro le nuove norme proposte dal centrodestra

di Anna Rita Cillis

Mobilitazione, ma questa volta nazionale. Emma Bonino dà il via alla crociata, assieme ai consiglieri regionali del centro sinistra, per«fermare» la proposta di legge della consigliera Olimpia Tarzia sulla riforma dei consultori nel Lazio che prevede, tra le altre cose, contributi ad associazioni private e maggiore tutela della famiglia fondata sul matrimonio. Per farlo, però, secondo la leader dei Radicali «non è più sufficiente solo raccogliere firme, ma entro fine ottobre, al massimo ai primi di novembre, se non riusciremo a bloccare il testo scenderemo in piazza, perché - aggiunge la vicepresidente del Senato - oltre ad essere incostituzionale e ingiusta visto che parla di famiglia naturale fondata solo sul matrimonio». Secondo Emma Bonino, il pericolo è anche un altro: «Se passa è un test nazionale. Sono convinta che il convegno organizzato a luglio da Polverini, Formigoni e Cota dava l'avvio a questa stagione». Nel frattempo, oggi, i consiglieri regionali del centrosinistra - Luigi Nieri (Sel), Giulia Rodano (Idv), Rocco Berardo (Radicali), Tonino D'Annibale (Pd) e Giuseppe Celli (Lista Civica) - consegneranno in commissione una proposta di questione pregiudiziale - tecnicamente serve a sospendere o impedire la discussione del documento nella quale verrà evidenziato come la proposta sia «anticostituzionale». Argomentazioni quest'ultime «prese in considerazione anche dall'ufficio legislativo regionale che ha dato un parere molto critico chiedendone una profonda riscrizione» ha sottolineato Bonino. A preoccupare le opposizioni anche le figure professionali previste dalla legge come quella dell'esperto in insegnamento di metodi di regolazione naturale della fertilità, «sarà una nuova laurea predisposta dalla Regione» ha ironizzato Giulia Rodano, aggiungendo poi: «Chi pensa che i consultori siamo luoghi dove andare ad abortire sì sbaglia: su 55mila bambini nati nel Lazio, 14mila gestazioni sono state seguite dai consultori e su 163 mila straniere in età fertile circa 80 mila si sono rivolte a queste strutture». Ultimo appunto dell'opposizione: «La legge costerebbe 100 milioni di euro - ha spiegato Luigi Nieri - ed è insostenibile a patto che non si smonti tutto il welfare regionale». Sempre ieri il Consiglio provinciale ha approvato una mozione contro la proposta di legge provocando una dura, reazione del pidiellino Federico Iadicicco: «La proposta di riforma della Tarzia è in linea con la legge 194, l'approvazione della mozione è una tipica reazione della sinistra». Mentre per Renata Polverini «lo spirito della riforma sarà quello di dare ai consultori un ruolo più rivolto alle famiglie, come previsto dalle legge 194».





Altri articoli su:
[ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Italia ] [ Libertà di religione ] [ Unione Europea ] [ Vaticano ]

Comunicati su:
[ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Italia ] [ Libertà di religione ] [ Unione Europea ] [ Vaticano ]

Interventi su:
[ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Italia ] [ Libertà di religione ] [ Unione Europea ] [ Vaticano ]


- WebSite Info