sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 novembre 2019 
LunMarMerGioVenSabDom
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> Il Corriere della Sera (Ed. Milano)


LA BONINO: DECIDANO I CITTADINI. SUBITO UNA DATA PER I REFERENDUM

Il Corriere della Sera (Ed. Milano) - 29 marzo 2011

di Armando Stella

«Su Expo devono decidere i milanesi con i referendum. I cittadini possono indicare un futuro ecologicamente sostenibile e tecnologicamente avanzato a una Milano senza visione, né sogni». E ancora senza una data per le urne: «E nebbia totale, il voto rischia di perdersi. Il sindaco faccia la sua parte, senta Berlusconi, convinca la maggioranza...». Emma Bonino lo dice in piazza della Scala, davanti a Palazzo Marino, al presidio pro referendum: «Abbiniamo i referendum alle Comunali - propone la senatrice radicale -. 0, in seconda battuta, accorpiamo la consultazione coi referendum nazionali. Solo una cosa non possiamo permetterci: ignorare 24 mila firme e calpestare il diritto di esprimersi di un milione di cittadini». È una corsa contro il tempo. Oggi approda in aula la mozione del Verde Enrico Fedrighini sul referendum day di giugno (già approvata da tre Consigli di Zona): «Serve una modifica al regolamento comunale per unire i quesiti nazionali e i cinque milanesi». Il comitato Milanosìmuove viene ricevuto dalla Moratti alle 18.3o: «Le chiederemo - anticipa il presidente Edoardo Croci - di supportare gli adeguamenti normativi per far coincidere due momenti elettorali e favorire così un'ampia partecipazione». In piazza ci sono anche i centristi Manfredi Palmeri (Fli) e Carlo Montalbetti (Api). Viene srotolato uno striscione: «Chi ha paura dei referendum?». Dice il radicale Marco Cappato: «Chiediamo al sindaco un impegno preciso. La Moratti aveva detto d'essere d'accordo con noi, ma ha ancora mosso un dito perché i referendum si tengano». Sono cinque temi: Ecopass, alberi, Expo, energie pulite e rinascita dei Navigli. E due ipotesi per le urne. La prima è il 15 maggio, data delle amministrative: ma serve un via libera parlamentare. L'altra è il 12 giugno, giorno dei referendum su nucleare e acqua: ma è necessario un accordo in consiglio. «Siamo ancora in tempo: si voti per il Comune e per l'aria di Milano - insiste il capolista Pd Stefano Boeri -. Il sindaco Moratti dia corso alle promesse». Il terzo quesito impegna il Comune a «conservare il futuro parco» dell'area Expo, arriva al momento giusto: «La piega che sta prendendo Expo fa rabbrividire - conclude Boeri -. Una colata di cemento sta per . seppellire l'orto botanico solo per gratificare gli interessi di alcuni privati. I milanesi devono essere liberi di esprimersi».





Altri articoli su:
[ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Italia ] [ Unione Europea ]

Comunicati su:
[ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Italia ] [ Unione Europea ]

Interventi su:
[ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Italia ] [ Unione Europea ]


- WebSite Info