sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 luglio 2020 
LunMarMerGioVenSabDom
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> Il Corriere della Sera


EMBRIONI, COMPROMESSO GRADITO

Il Corriere della Sera - 23 luglio 2006 di Emma Bonino* Dichiarazione etica: così si chiamava la dichiarazione firmata nel novembre 2005 da sei Paesi europei - Germania, Polonia, Slovacchia, Austria, Malta e Italia - che poneva un veto all'erogazione di finanziamenti comunitari a favore della ricerca sulle cellule staminali embrionali. Il 30 maggio scorso, il nuovo ministro per la Ricerca scientifica, Fabio Mussi, ha ritirato la firma italiana provocando le dure reazioni nell'ex maggioranza di governo e un animato dibattito in quella attuale. Non a caso la mozione votata mercoledì in Senato concilia non senza ambiguità il «sostegno finanziario alle ricerche che non implicano la distruzione di embrioni» con l'incentivazione «della ricerca avanzata tesa a verificare la possibilità di ricerca sugli embrioni sovrannumerari». Un compromesso, insomma. Ma un compromesso gradito perché allarga l'orizzonte della discussione verso altri traguardi. Effettivamente, la mozione va in direzione della libertà di ricerca, con cautela però: basti pensare a quante volte in aula è stato richiamato il principio di precauzione, che di fatto si traduce in divieto, divieto di fare ricerca in nome della sacralità dell'embrione. E quando la scienza viene artatamente piegata a questione di coscienza si corre un rischio: quello di opporre una coscienza contro l'altra, in questo caso contro quella che ritiene sia altrettanto etico fornire a milioni di malati una possibilità di cura. Come d'altra parte richiesto a gran voce dalla quasi totalità della comunità scientifica internazionale, da numerosi Premi Nobel, dalle associazioni dei pazienti e, in Italia, dell'associazione radicale Luca Coscioni. A conferma dell'esistenza di questo rischio, si dice spesso, per esempio, che la ricerca sulle staminali adulte è preferibile a quella sulle staminali embrionali perché la prima ha già dato risultati mentre la seconda no, stabilendo a priori che la ricerca sulle staminali emrbionali non ne darà. Detto questo, il divieto di ricerca sugli embrioni, come previsto dalla Legge 40, non significa una preclusione legale alla possibilità di condurre ricerche su linee cellulari embrionali create in altri Paesi. Inoltre la legislazione comunitaria sancisce la libera circolazione delle merci e pertanto rende impossibile il divieto d'importazione delle cellule staminali, non potendo considerarle altro che «beni». E difatti, coerentemente con questa impostazione europea, è stato eliminato dalla premessa della mozione approvata dal Senato il riferimento al rispetto della vita umana a partire dal concepimento, che altro non sarebbe stato che il primo passo verso il riconoscimento giuridico del concepito. Come ministro per le Politiche europee mi preme sottolineare anche un altro aspetto. In questo contesto sono stati correttamente attivati i meccanismi previsti dalla legge n. 11 del 2005 sul recepimento della normativa europea (c.d. legge Buttiglione), con la puntuale trasmissione alle Camere degli atti ricevuti da Bruxelles per consentire al Parlamento di esprimere il proprio parere. Così, lunedì al Consiglio competitività a Bruxelles, il ministro Mussi potrà prendere posizione non solo con l'avallo del governo ma con il conforto anche di un ramo del Parlamento. Considero il risultato complessivo come un primo, prudente passo di apertura verso la libertà di ricerca e verso una discussione distesa e sensata sul ruolo della scienza nonché sulla laicità dello Stato. Un segnale positivo, in contrasto con quello che proviene, quasi in contemporanea, dagli Stati Uniti, dove il Presidente Bush ha esercitato il suo diritto di veto, per la prima volta in sei anni, sulla concessione dei finanziamenti federali per le ricerche sulle cellule staminali, dopo il via libera sia della Camera che del Senato. Un esercizio del diritto di veto che dovrebbe farci riflettere. Considero altrettanto positivamente l'approvazione di un documento condiviso dalla maggioranza su temi che da tempo dividono e animano discussioni accese, spesso connotate da interpretazioni ideologiche e forzate della realtà scientifica. Questo fa ben sperare che si possa trovare nel centrosinistra un punto di sintesi anche su temi eticamente sensibili, così da consentire al Paese di guardare avanti. *Ministro del Commercio Internazionale e per le Politiche Europee.





Altri articoli su:
[ Unione Europea ] [ Italia ] [ Libertà di ricerca scientifica ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ]

Comunicati su:
[ Unione Europea ] [ Italia ] [ Libertà di ricerca scientifica ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ]

Interventi su:
[ Unione Europea ] [ Italia ] [ Libertà di ricerca scientifica ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ]


- WebSite Info