sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 novembre 2019 
LunMarMerGioVenSabDom
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> Il Corriere della Sera


PER COMBATTERE I NARCO TALEBANI LEGALIZZIAMO L'OPPIO A FINI TERAPEUTICI

Il Corriere della Sera - 5 settembre 2008 di Emma Bonino* Caro direttore, ho letto l'articolo di Bill Emmott di domenica scorsa dove propone d'introdurre in Afghanistan una sorta di Politica Agricola Comune per sostituire con frumento le vaste coltivazioni di oppio che hanno prodotto, nell'anno record 2006, il 93% dell'eroina mondiale. Sono lieta che Emmott condivida il giudizio da me espresso quando ero a capo della missione degli osservatori elettorali europei in Afghanistan nel 2005, cioè che la strategia dello sradicamento è stata fallimentare, ma rimango perplessa rispetto ai sussidi agricoli, una strada già ampiamente perseguita con risultati altrettanto fallimentari. E' stato il governo britannico - assecondato dall'Onu, la Nato e l'Ue - a spingere per una strategia antidroga basata sulla conversione delle colture, riversando nel paese decine e decine di milioni di dollari con la sola conseguenza di alimentare corruzione e omertà: i soldi consegnati ai governatori e ai capi della polizia locale sono stati usati dai contadini per aumentare la loro produzione di oppio oppure sono finiti direttamente nelle tasche dei signori della droga, come documenta in maniera dettagliata Ahmed Rashid nel suo ultimo libro "Descent into chaos". La lotta internazionale al narco-traffico è stata fin qui condotta sotto la pressione costante di risultati "rapidi e visibili" per l'opinione pubblica. Ma l'eradicazione forzata, aerea o terrestre che sia, colpisce solamente l'anello più debole della catena, i contadini, per i quali l'opzione di abbandonare la coltivazione del papavero è quasi impossibile, visti i debiti contratti con i trafficanti che forniscono loro utensili e semi, oltre a prestiti per superare l'inverno e garanzie di accesso al mercato. Anzi, sradicamenti limitati fanno pure comodo ai trafficanti visto che alzano il prezzo dell'oppio! E' oramai evidente che questa politica non ha intaccato ma anzi rafforzato il potere della narco-élite, composta in gran parte dai neo-Talibani con collegamenti Al Qaedisti, che continuano ad operare in un ambito di sostanziale impunità. L'Afghanistan continuerà così a vivere di una rendita illegale che alimenta la corruzione, mantiene i gruppi armati e mina la stabilità a livello regionale, allontanando il paese da ogni forma di stato di diritto. Sono d'accordo che non esiste una ricetta miracolistica, ma di fronte ai rovesci innegabili subiti dalla war on drugs così come impostata dagli americani seguiti a ruota dagli inglesi, perché scartare per ragioni ideologiche quella che invece appare come la soluzione più ragionevole? La posizione di noi radicali è nota: per sconfiggere le narco-mafie una politica antiproibizionista di legalizzazione che azzerasse, sotto controllo internazionale, il prezzo delle droghe determinerebbe l'immediato crollo dei giganteschi profitti oggi generati. Ma senza arrivare a questo, nel caso dell'Afghanistan, perché non riprendere la proposta lanciata dal Senlis Council e ripresa da una risoluzione del Parlamento europeo che propugna la coltivazione regolamentata del papavero attraverso la concessione di licenze per il mercato legale dei medicinali, in particolare per gli anti-dolorifici, come avviene per altri paesi? L'Onu da anni denuncia la crisi nell'approvvigionamento mondiale di anti-dolorifici, soprattutto per i paesi del terzo mondo dove la penuria è acuta. La domanda di produzione legale di oppio è enorme - oltre diecimila tonnellate l'anno - e l'Onu calcola che non se ne copre neppure l'80%. Per non parlare, poi, dell'insopportabile paradosso per il quale negli ospedali del paese massimo produttore di oppio la scarsità di anti-dolorifici è pressoché totale e spesso si opera "a vivo". Senza l'esplosione nella produzione di oppio in Afghanistan, il ritorno dei Talebani e la riorganizzazione di Al Qaeda con i suoi campi di addestramento non sarebbero stati possibili. E' ora che i governanti del mondo capiscano che il fallimento della lotta alla droga è la principale causa del fallimento politico, economico e militare in Afghanistan. *Vice-presidente del Senato





Altri articoli su:
[ Afghanistan ] [ Asia ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Droghe ] [ Economia ] [ ONU ]

Comunicati su:
[ Afghanistan ] [ Asia ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Droghe ] [ Economia ] [ ONU ]

Interventi su:
[ Afghanistan ] [ Asia ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Droghe ] [ Economia ] [ ONU ]


- WebSite Info