sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 novembre 2019 
LunMarMerGioVenSabDom
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> L'Unità


VOGLIONO COLPIRE I DIRITI DELLE DONNE

L'Unit√† - 31 luglio 2009 di Emma Bonino* E se si fosse trattato di un farmaco innovativo per la cura prostata anzich√© della RU486, avremmo avuto tutto questo fuoco di sbarramento? Credo proprio di no. Ma quando si tratta della donna, allora predomina ancora una cultura che impone per noi dolore e sofferenza fisica. Come nel caso dell'aborto, nonostante la legge 194 gi√† prevedesse che gli enti ospedalieri debbano tener conto del progresso tecnologico e delle nuove tecniche meno intrusive e violente. ¬† L'Italia √® davvero un paese bizzarro. La politica entra in settori che non dovrebbero riguardarla. Ed infatti questo farmaco √® stato vietato in Italia proprio per veti della politica di stampo pi√Ļ clericale, quella che si arroga il diritto per esempio di stabilire se si possono e devono impiantare 3 o 5 ovociti, se idratazione e alimentazione forzata siano un intervento sanitario o meno...In questo caso, per condizionare l'Agenzia del farmaco si √® risorti pure ad una discutibile contabilit√† dei morti, la cui "presunta connessione" con la RU486 sembra valere solo in Italia. In nessun altro paese questo ha rappresentato un ostacolo alla registrazione del farmaco e il dossier completo √® noto da tempo. ¬† Insomma invece di limitarsi a stabilire il quadro normativo, la politica entra nel merito delle cure o delle terapie, normalmente nel tentativo di svuotarne i contenuti e comunque di limitare la libert√† di scelta delle persone e delle donne in particolare.¬† Il risultato di tante interferenze politiche, e non, √® che il via libera alla RU486 arriva in Italia con venti anni di ritardo rispetto a Francia, Svezia e Regno Unito, con dieci rispetto agli Usa. L'EMEA, l'Agenzia europea del farmaco, ha approvato gi√† nel 2007 la nuova scheda tecnica della RU486: a questo punto la decisione dell'Aifa √® al limite un atto dovuto. ¬† Se si vuole ridurre davvero il ricorso all'aborto allora la strada maestra √® quella di promuovere la contraccezione e i metodi per la procreazione responsabile, realizzando specifiche campagne informative e pubblicitarie. Certo, se poi c'√® chi si oppone anche a questo, compresa la pillola del giorno dopo, allora la strada diventa tutta in salita. Insomma ogni giorno peggio, scomunica compresa.¬† per questo bisogna reagire riprendendo con forza le battaglie laiche (e per questo profondamente religiose)¬† per la liberta di scelta¬† delle persone¬† compresa la liberta¬† di cura e di terapia. A partire dall'imminente passaggio¬† alla camera dei deputati¬† dell' incredibile testo "etico" varato dal senato.¬† O si appresta il PD a ripetere le contorsioni gia viste in base alla "opinione prevalente" delegando ai radicali una appassionata e netta battaglia parlamentare? ¬† * Vicepresidente del Senato





Altri articoli su:
[ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Italia ] [ RU486 ] [ Unione Europea ] [ Vaticano ]

Comunicati su:
[ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Italia ] [ RU486 ] [ Unione Europea ] [ Vaticano ]

Interventi su:
[ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Italia ] [ RU486 ] [ Unione Europea ] [ Vaticano ]


- WebSite Info