sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 novembre 2019 
LunMarMerGioVenSabDom
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

>> Vanity Fair


SEGUIAMO L'AFRICA

Vanity Fair - April 6, 2011

di Emma Bonino

Il Jurassik Park arabo è destinato a chiudere i battenti per sempre? C'è da augurarselo. Tre mesi dopo il "kifaya!" - basta! - gridato dal giovane fruttivendolo tunisino prima di darsi fuoco, il genio è definitivamente uscito dalla bottiglia: le transizioni arabe, cariche di rischi ma anche di opportunità, sono processi ormai irreversibili.

Da oltre 40 anni, la leadership araba si era fermata nel tempo: Gheddafi √® andato al potere in Libia nel 1969; Saleh in Yemen nel 1978; Mubarak in Egitto nel 1981; Ben Al√¨ in Tunisia nel 1987; per non parlare della longevit√† di regimi "dinastici", pur non essendo delle monarchie, come quella degli Assad in Siria. Paesi dove l'et√† media √® di 25 anni: pi√Ļ della met√† della popolazione √® nata e cresciuta sotto l'oppressione di un singolo dittatore. Per usare un'espressione kennedyana, "ora la fiaccola √® passata nelle mani di una nuova generazione". Una generazione che aspira ai valori universali della libert√† e che ha fatto cadere l‚Äôultimo velo della cosiddetta "eccezione araba", un concetto che, come radicali, abbiamo sempre contrastato, anche quando sembrava politicamente scorretto farlo, perch√© la democrazia non √® un prodotto da import-export ma un processo da sostenere dall‚Äôinterno.

La domanda, quindi, è: cosa farà ora la comunità internazionale per accompagnare questi processi, dopo aver sostenuto per decenni i despoti? Le risoluzioni dell'Onu c'impongono un obbligo nei confronti della popolazione libica ma non c'è solo la Libia. C'è una serie di paesi, ognuno con le sue specificità. Una delle ragioni per cui i governi occidentali non hanno visto arrivare le rivolte è di aver fatto delle realtà arabe un grande amalgama. I fatti della Libia hanno ottenuto l'attenzione mondiale distraendoci, però, da avvenimenti molto significativi: in Egitto - i cui sviluppi tendono a riverberarsi nell'intera regione - si procede a tappe forzate verso l'incognito, in Bahrain è abortito per ora qualsiasi tentativo d'introdurre un nuovo ordine costituzionale, in Siria e Yemen la situazione rimane drammaticamente in bilico, sull'Algeria è calato un sinistro silenzio...

Al di là della crisi libica dobbiamo mantenere la nostra capacità d'analisi complessiva. Esattamente il contrario di quello che sta accadendo in Italia, dove il governo oscilla tra allarmismo e vittimismo. Prima si vagheggia una "ondata biblica", poi non si riesce neppure a gestire l'arrivo di 18-20 mila tra sfollati e migranti; prima si invoca l'Europa per quello che non può fare, poi si piagnucola perché si è "stati lasciati soli". La verità è che l'Europa è quella voluta dai 27 stati membri i quali, nella loro "saggezza", hanno deciso che per i flussi migratori ognuno faceva per sé, tant'è che nel Trattato di Lisbona si sono ben guardati dall'includere una politica comune per l'immigrazione. La soluzione proposta poi dal Ministro Bossi - "fora da i ball" - non solo è poco lungimirante riguardo al fabbisogno di manodopera nel nostro "mitico" nord-est ma non è neppure il miglior viatico per gli imprenditori italiani che vorranno partecipare al futuro sviluppo del Maghreb.

Riguardo ai richiedenti asilo infine, i recenti dati Eurostat dimostrano come l'Italia sia in realt√† poco ospitale, soprattutto in relazione agli abitanti. Se si dovesse fare una seria ripartizione degli oneri - la tanto evocata¬†burden-sharing¬†- l'Italia dovrebbe accollarsene di pi√Ļ, non meno.

A metà aprile si riuniranno a Napoli i Ministri degli Esteri dei principali paesi delle due sponde del mediterraneo nella cornice del cosiddetto "Dialogo 5+5" e del "Forum Med". Attraverso il Ministero degli Esteri italiano, l'associazione radicale Non c'è Pace senza Giustizia cercherà di usare quest'occasione per dare voce alla leadership civile di quei paesi organizzando, non un "forum parallelo" poco produttivo, ma, per la prima volta, un incontro congiunto. Questo punto è fondamentale perché d'ora in poi, nelle sedi multilaterali, c’è il rischio che tra "regimi" si trovi presto l'accordo sulle "riforme" o, peggio ancora, che i governi occidentali diventino gli interlocutori esclusivi, esautorando i fruitori di quelle riforme, ovvero i cittadini dei paesi da cui gli sconvolgimenti storici ai quali stiamo assistendo hanno preso le mosse.

 

 





Altri articoli su:
[ Africa ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Egitto ] [ Libano ] [ Libia ] [ Medio Oriente ] [ ONU ] [ Siria ] [ Tunisia ] [ Yemen ]

Comunicati su:
[ Africa ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Egitto ] [ Libano ] [ Libia ] [ Medio Oriente ] [ ONU ] [ Siria ] [ Tunisia ] [ Yemen ]

Interventi su:
[ Africa ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Egitto ] [ Libano ] [ Libia ] [ Medio Oriente ] [ ONU ] [ Siria ] [ Tunisia ] [ Yemen ]


- WebSite Info