sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 gennaio 2021 
LunMarMerGioVenSabDom
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

IL SENATO BELGA OSPITA IL LANCIO DELL'APPELLO PER LA MESSA AL BANDO DELLE MUTILAZIONI GENITALI FEMMINIILI

Roma-Bruxelles, 2 maggio 2012 - La Coalizione Internazionale BanFGM per la messa al bando universale delle mutilazioni genitali femminili (MGF), porta avanti dal 2010 una campagna affinché l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite adotti una risoluzione che bandisca tale pratica. Tale risoluzione potrebbe rappresentare il più alto livello di espressione di volontà politica e costituire un passo fondamentale per porre fine a questa violazione dei diritti umani.

In seguito alla Raccomandazione adottata della 56ma sessione della Commissione sulla Condizione delle Donne delle Nazioni Unite del marzo 2012, con cui chiedeva all'Assemblea Generale di considerare la questione delle mutilazioni genitali femminili in occasione della sua 67ma sessione, ovvero entro la fine di quest’anno, il Gruppo Africano presso le Nazioni Unite sta lavorando senza sosta per elaborare un testo da presentare.

A sostegno dello sforzo del Gruppo Africano per garantire l'efficacia della Risoluzione, vista come uno strumento per governi ed attivisti, la Coalizione BanFGM sta per lanciare un appello alle Nazioni Unite per una risoluzione che vieti in modo esplicito le mutilazioni genitali femminili in tutto il mondo, invitando tutti gli Stati a dotarsi di una normativa che vieti le mutilazioni genitali femminili, adottando tutte le misure legislative, politiche ed operative necessarie per porre fine a tale pratica.

L'appello sarà lanciato in occasione di un evento che si terrà a Bruxelles giovedì 3 maggio, ospitato dal Senato belga, e presieduto da S.E. Chantal Compaoré, First lady del Burkina Faso, Ambasciatrice di Buona Volontà del Comitato Inter-Africano sulle Pratiche Tradizionali e coordinatrice della Campagna Internazionale BanFGM. Prenderanno inoltre all’evento Sabine de Bethune, Presidente del Senato belga, Emma Bonino, Vice-Presidente del Senato italiano e fondatrice di Non c'è Pace Senza Giustizia, Mariam Lamizana, Presidente del Comitato Inter-Africano contro le Pratiche Tradizionali ed altre personalità di spicco che hanno avuto un ruolo di primo piano nella campagna, sia in Belgio che a livello internazionale.

Questo lancio segue una serie di eventi organizzati dalla Coalizione BanFGM in diverse capitali africane e presso la sede delle Nazioni Unite a New York, e mira a coinvolgere attori politici belgi ed europei a sostegno dell'iniziativa africana per una Risoluzione.

 





Comunicati su:
[ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Stop FGM! ]

Rassegna Stampa su:
[ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Stop FGM! ]

Interventi su:
[ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Stop FGM! ]


- WebSite Info