sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 febbraio 2021 
LunMarMerGioVenSabDom
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

"L'INFIBULAZIONE SARA' REATO CONTRO L'UMANITA'"

Pubblico - 22 ottobre 2012

In dicembre verrà votata la risoluzione che sancisce le MGF come "violazione dei diritti umani fondamentali"

di Angela Gennaro

Una risoluzione per bandire nel mondo le mutilazioni genitali femminili, violazione dei diritti umani. Il testo è stato depositato dal Gruppo dei Paesi Africani all’ONU e, se tutto andrà bene, a dicembre verrà votato dall’assemblea generale delle Nazioni Unite.

Non c‚Äô√®¬†Pace senza Giustizia,¬†l‚Äôorganizzazione fondata¬†dalla vicepresidente¬†del Senato Emma Bonino, sta lottando da pi√Ļ di 10 anni a livello internazionale¬†contro le¬†Mgf.¬†Bonino, cosa rappresenta questo testo?

Una pietra miliare:¬†per la prima volta la comunit√† internazionale, su¬†spinta¬†dei paesi interessati, si accinge ad adottare un testo che bandisce questa pratica come violazione dei diritti umani fondamentali, superando un approccio relativista che tendeva a ‚Äúgiustificare‚Ä̬†le mutilazioni genitali come espressione di una data cultura.Una presa di posizione cos√¨ forte e compatta da parte della comunit√† internazionale sar√† un incentivo¬†per¬†i paesi che non hanno¬†ancora una legge di proibizione¬†a dotarsi di tutti gli strumenti utili a contrastare la praticadal punto di vista legislativo¬†e¬†di prevenzione.¬†La risoluzione ha¬†anche¬†il pregio di mettere fine alla diatriba che legittima le mutilazioni¬†praticate in modo ‚Äúsicuro‚ÄĚall‚Äôinterno di strutture sanitarie, condannandoespressamente tutte le forme di mutilazione, incluse quelle eseguite in ambito ospedaliero.

Le Mgf vengono difese dalle comunità d'origine in nome della tradizione: anche le donne che le subiscono non sono in grado di opporsi e anzi le appoggiano per paura dello stigma sociale. Come si cambia tutto questo?

Nei paesi dove questa pratica esiste¬†tradizione vuole che la donna non¬†mutilata¬†sia¬†considerata impura: quindi¬†ha molte meno possibilit√† di sposarsi, formare una famiglia e avere un ruolo nella comunit√†. Inoltre per molte donne‚Ästle cosiddette¬†¬ępraticone¬Ľ (chi¬†effettua¬†queste operazioni,¬†ndr.)¬†‚Ästle mutilazioni genitali sono una fonte di reddito. Ci vorr√† tempo e impegno perch√© questa mentalit√† cambi, ma la messa al bando universale aiuter√† il lavoro delle attiviste.¬†Collocandole¬†definitivamente dalla parte del giusto¬†e¬†della legge.

Chi sono le donne che hanno permesso questo risultato?

Tante, nominarle tutte √® impossibile. A livello di attiviste va riconosciuto lo straordinario impegno di¬†Khady¬†Koita,agguerrita donna senegalese che ha avuto il coraggio dimettere a nudo¬†la sua esperienza personale in un libro tradotto in tre lingue, in un periodo in cui l'argomento era ancora tab√Ļ in molte parti del mondo. A livello di personalit√†¬†istituzionali¬†l‚Äôex first lady egiziana Suzanne Mubarak ha avuto il merito di fare delle mutilazioni genitali¬†argomento di dibattito pubblico a livello continentale¬†e di aver condotto un‚Äôefficace campagna anti-mutilazioni nel suo paese. L‚Äôattuale first lady delBurkina¬†Faso,¬†Chantal¬†Compaor√©, ha¬†poi¬†coordinato in questi anni la campagna per la messa al bando universalecon ottimi risultati.

Quante donne vittime di mutilazioni genitali ci sono in Italia e nel mondo?

E' difficile dirlo: è un fenomeno che spesso avviene in clandestinità. Le ultime stime dell'Organizzazione Mondiale della Sanità del febbraio 2012 parlano di 140 milioni di donne e bambine nel mondo che hanno già subito la pratica e di 2 milioni di bambine a rischio.

Alcune stime parlano per l'Italia di 40mila bambine vittime¬†di¬†infibulazione:¬†√® il dato pi√Ļ alto d‚ÄôEuropa, che conta 500mila casi.¬†Cosa fare?

Questi numeri emergono da uno studio del 2009 realizzato dall’istituto Piepoli su richiesta del dipartimento Pari Opportunità, e si tratta di una stima molto approssimativa, poiché in Italia non esiste un osservatorio. Abbiamo una legge ad hoc che proibisce la pratica, ma per formulare politiche efficaci è cruciale conoscere l'entità del fenomeno: per questo da anni chiedo l’istituzione, a livello nazionale o meglio europeo, di un osservatorio che monitori il fenomeno e fornisca una stima della sua diffusione.

Cosa si sta facendo in questo senso negli altri paesi?

La maggior parte dei paesi europei ha una legge nazionale che proibisce e punisce le Mgf, oggetto di diverse risoluzioni adottate dal Parlamento europeo. Esistono anche programmi d'informazione e sensibilizzazione rispetto alle comunità immigrate, normalmente meno reticenti a staccarsi dalle tradizioni dei paesi d’origine. L’Europa è compatta nel condannare questa pratica.

 





Comunicati su:
[ Africa ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Italia ] [ Medio Oriente ] [ ONU ] [ Unione Europea ]

Rassegna Stampa su:
[ Africa ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Italia ] [ Medio Oriente ] [ ONU ] [ Unione Europea ]

Interventi su:
[ Africa ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Italia ] [ Medio Oriente ] [ ONU ] [ Unione Europea ]


- WebSite Info