sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 settembre 2020 
LunMarMerGioVenSabDom
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

SELEZIONE AGENZIE - 17 OTTOBRE

Bonino: Su marò accetto lezioni da tutti, con qualche distinguo. Ereditato "dossier di grande complessità"
TMNews - "Accetto consigli da tutti" specie in sede parlamentare, "ma un po' meno sono disposta ad accettare polemiche che arrivano da altre parti". E' quanto ha detto il ministro degli Esteri Emma Bonino alle Commissioni riunite Esteri e Difesa durante l'audizione congiunta con il collega Mario Mauro, in riferimento alla vicenda dei due marò italiani trattenuti in India. "Vanno bene lezioni da tutti, con qualche distinguo", ha spiegato la titolare della Farnesina, dopo le recenti critiche a tal proposito, arrivate anche dal suo predecessore Giulio Terzi.Il governo Letta ha "ereditato un dossier  di grande complessità"
sulla vicenda dei due marò italiani trattenuti in India, Massimiliano Latorre e Salvatore Girone."Il nostro impegno è portare  a casa i marò. Dove si è bloccato il discorso, che al momento penso stiamo superando, è l'interrogatorio dei quattro militari che erano sulla nave" con Latorre e Girone. "Noi giustamente ci rifiutiamo di rimandarli in India per essere interrogati e il braccio di ferro sta in queste dimensioni", ha commentato Emma Bonino, precisando che una volta in Italia "i nostri connazionali avranno un processo davanti una corte speciale" e per loro varrà "la presunzione di innocenza".

Maro': Bonino, dossier complesso, sì a consigli no a polemiche
ANSA - "Il nostro impegno è di portare a casa i marò" e "accetto consigli da tutti ma sono un po' meno disposta ad accettare polemiche" perché "abbiamo ereditato un dossier" di grande complessita'. Lo ha detto il ministro degli Esteri Emma Bonino nella replica alle Commissioni Esteri e Difesa, riferendosi alla vicenda dei maro'.
Sulla vicenda dei maro' "la linea di comando è chiara", ha precisato la titolare della Farnesina spiegando che c'e' la presidenza del Consiglio, l'inviato speciale Staffan de Mistura che risponde direttamente al premier Letta e i ministeri di Esteri, Giustizia, Interni, Difesa.
"Un'attenzione coordinata al reciproco aiuto √® il modo pi√Ļ utile per riportare a casa i nostri due connazionali", ha aggiunto. Bonino ha detto ancora che l'attuale impasse che "penso stiamo superando" √® dovuta "all'interrogatorio dei 4 militari che erano sulla stessa nave e che noi ci rifiutiamo di mandare in India".

 

GREENPEACE/BONINO: RIUNIONE DIPLOMATICI A MOSCA SU ARRESTATI
ANSA - "Oggi si è tenuta a Mosca una riunione dei Vice Capi Missione del gruppo UE per la protezione consolare, allargato alle Ambasciate degli altri Paesi i cui connazionali sono anch'essi detenuti a Murmansk. Durante l'incontro si e' discusso dei passi congiunti da adottare nei prossimi giorni". Lo ha detto oggi il ministro degli Esteri, Emma Bonino, a margine di un'audizione parlamentare in Senato, parlando della vicenda dei 31 militanti di Greenpeace arrestati in Russia per l'assalto a una piattaforma petrolifera. "Continuiamo a seguire con la massima attenzione il caso D'Alessandro - ha aggiunto Bonino (Cristian D'Alessandro, napoletano, è l'unico italiano fra gli arrestati) -. Dopo il respingimento il 15 ottobre del ricorso per ottenere la scarcerazione presentato dal connazionale, lo stesso giorno alle autorità russe è stato chiesto ufficialmente - da tutto il gruppo di Paesi con connazionali arrestati - un incontro al Ministero degli Esteri per avere un quadro aggiornato sul procedimento in corso". "La Farnesina ha provveduto a sensibilizzare anche le autorita' russe in Italia, nel quadro di periodiche consultazioni bilaterali dedicate alle "sfide e alle minacce globali" - ha concluso il ministro -. La famiglia de D'Alessandro e' tenuta costantemente aggiornata sugli sviluppi della vicenda".

GREENPEACE/BONINO, MASSIMA ATTENZIONE PER CASO D'ALESSANDRO
AGI - "Continuiamo a seguire con la massima attenzione il caso D'Alessandro". Così è espressa oggi il Ministro degli Esteri Emma Bonino a margine dell'audizione parlamentare di oggi in Senato, come riferisce in una nota la Farnesina. "Dopo il respingimento il 15 ottobre del ricorso per ottenere la scarcerazione presentato dal connazionale, lo stesso giorno alle autorità russe è stato chiesto ufficialmente  - da tutto il gruppo di Paesi con connazionali arrestati - un incontro al Ministero degli Esteri per avere un quadro aggiornato sul procedimento in corso. Oggi si è tenuta a Mosca una riunione dei Vice Capi Missione del gruppo UE per la protezione consolare, allargato alle Ambasciate degli altri Paesi i cui connazionali sono anch'essi detenuti a Murmansk. Durante l'incontro si e' discusso dei passi congiunti da adottare nei prossimi giorni". Quindi aggiunge che "la Farnesina ha inoltre provveduto a sensibilizzare anche le autorità russe in Italia nel quadro di periodiche consultazioni bilaterali dedicate alle 'sfide e alle minacce globali'". La famiglia de D'Alessandro e' tenuta costantemente aggiornata sugli sviluppi della vicenda.

GREENPEACE/BONINO: MASSIMA ATTENZIONE PER VICENDA D''ALESSANDRO
Adnkronos - "Continuiamo a seguire con la massima attenzione il caso D''Alessandro". E' quanto assicura il ministro degli Esteri Emma Bonino in merito alla vicenda dell''attivista italiano di Greenpeace trattenuto in Russia. A margine dell'audizione di oggi in Senato, riferisce una nota della Farnesina, Bonino ha spiegato che "dopo il respingimento il 15 ottobre del ricorso per ottenere la scarcerazione presentato dal connazionale, lo stesso giorno alle autorità russe è stato chiesto ufficialmente, da   tutto il gruppo di Paesi con connazionali arrestati, un incontro al   ministero degli Esteri per avere un quadro aggiornato sul procedimento  in corso". "Oggi -ha proseguito il ministro- si e'' tenuta a Mosca una   riunione dei vice capi missione del gruppo UE per la protezione consolare, allargato alle ambasciate degli altri Paesi i cui   connazionali sono anch''essi detenuti a Murmansk. Durante l'incontro - ha concluso - si è discusso dei passi congiunti da adottare nei prossimi giorni". La Farnesina riferisce inoltre di avere "provveduto a sensibilizzare anche le autorità russe in Italia nel quadro di periodiche consultazioni bilaterali dedicate alle sfide e alle minacce globali". La famiglia di Christina D''Alessandro, sottolinea il ministero degli Esteri, "è tenuta costantemente aggiornata sugli sviluppi della vicenda".

GREENPEACE/BONINO: SEGUIAMO CON ATTENZIONE CASO D'ALESSANDRO. OGGI A MOSCA RIUNIONE CON ALTRI PAESI UE PER DISCUTERE DEI PASSI CONGIUNTI DA ADOTTARE NEI PROSSIMI GIORNI
ilVelino/AGV NEWS - "Continuiamo a seguire con la massima attenzione il caso D'Alessandro. Dopo il respingimento il 15 ottobre del ricorso per ottenere la scarcerazione presentato dal connazionale, lo stesso giorno alle autorità russe è stato chiesto ufficialmente - da tutto il gruppo di paesi con connazionali arrestati - un incontro al ministero degli Esteri per avere un quadro aggiornato sul procedimento in corso. Oggi si e' tenuta a Mosca una riunione dei vice capi missione del gruppo Ue per la protezione consolare, allargato alle ambasciate degli altri paesi i cui connazionali sono anch'essi detenuti a Murmansk. Durante l'incontro si è discusso dei passi congiunti da adottare nei prossimi giorni". Lo ha dichiarato il ministro degli Esteri, Emma Bonino. La Farnesina ha inoltre provveduto a sensibilizzare anche le autorità russe in Italia nel quadro di periodiche consultazioni bilaterali dedicate alle "sfide e alle minacce globali". La famiglia D'Alessandro e' tenuta costantemente aggiornata sugli sviluppi della vicenda.

ESTERI: NOTA FARNESINA, MASSIMA ATTENZIONE SU CASO D'ALESSANDRO
AGENPARL - "Continuiamo a seguire con la massima attenzione il caso D'Alessandro. Dopo il respingimento il 15 ottobre del ricorso per ottenere la scarcerazione presentato dal connazionale , lo stesso giorno alle autorità russe è stato chiesto ufficialmente - da tutto il gruppo di Paesi con connazionali arrestati - un incontro al Ministero degli Esteri per avere un quadro aggiornato sul procedimento in corso. Oggi si è tenuta a Mosca una riunione dei Vice Capi Missione del gruppo UE per la protezione consolare, allargato alle Ambasciate degli altri Paesi i cui connazionali sono anch'essi detenuti a Murmansk. Durante l'incontro si è discusso dei passi congiunti da adottare nei prossimi giorni " cosi'si è espressa oggi la Ministro Bonino a margine dell'audizione parlamentare di oggi in Senato. La Farnesina ha inoltre provveduto a sensibilizzare anche le autorità russe in Italia nel quadro di periodiche consultazioni bilaterali dedicate alle "sfide e alle minacce globali". La famiglia de D'Alessandro è tenuta costantemente aggiornata sugli sviluppi della vicenda.






- WebSite Info