sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 settembre 2020 
LunMarMerGioVenSabDom
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

SELEZIONE AGENZIE - 21 OTTOBRE

IMMIGRAZIONE/BONINO: PREPARARE POLITICA UE RICHIEDE TEMPO MA C'E' PIU' CONSAPEVOLEZZA SU NECESSITA' CONTROLLO FRONTIERE
ANSA - "Preparare una politica sull'immigrazione", tanto quella economica quanto quella dei rifugiati, "è difficile e richiede ancora molto lavoro, intensissimo in preparazione del Consiglio di questa settimana che però è una tappa di passaggio per l'elaborazione di politiche di nuove politiche a lungo termine al Consiglio di dicembre e soprattutto di quello di giugno dell'anno prossimo". Lo ha detto Emma Bonino illustrando la discussione in Consiglio Esteri a Lussemburgo, dove ha rilevato "una percezione diversa della difesa delle frontiere europee", un argomento su cui "si sta parlando con maggiore consapevolezza" e dove ha colto l'occasione per "ringraziare la Slovenia" per aver messo a disposizione di Frontex un mezzo navale. Argomentando sulle difficolta', Bonino ha affermato che "due processi cercano di intersecarsi: uno sull'emergenza e soprattutto sul controllo delle frontiere", in particolare quelle della Libia dove "l'instabilità politica comporta che non ci sia un controllo né su quella meridionale ne' su quella marina", mentre l'altro processo "cerca di individuare qualche soluzione su temi piu' di fondo dell'immigrazione e dell'asilo". Ma - ha osservato - "la poltica ha bisogno di tempo".    In questa logica, la task force istituita dal Consiglio dei ministri europei degli Interni e che si riunirà per la prima volta a Bruxelles giovedi' prossimo, servira' "a preparare, al di là dell'emergenza, un dibattito per il Consiglio".    Bruxelles, con la Commissaria Malmstrom, suggerisce la strada degli accordi bilaterali con i paesi terzi. Ma da questo punto di vista, Bonino è netta: "Perché ci siano accordi, il paese terzo deve esistere. In Libia ci sono molte difficoltà perché non c'è controllo del territorio".

BIRMANIA: SAN SUU KYI A UE, CONTINUARE PRESSIONE SU RANGOON SERVE RIFORMA COSTITUZIONE. BONINO, E' IN AGENDA PRESIDENTE
ANSA - La leader dell'opposizione birmana, Aung San Suu Kyi, ha partecipato alla colazione dei ministri europei nel corso del Consiglio esteri a Lussemburgo chiedendo che l'Europa continui a fare pressione "senza ambiguita'" sul governo di Rangoon "sulla necessita' di cambiare la Costituzione" per rimuovere alcuni ostacoli alla sua candidatura alle presidenziali. Una riforma che, secondo il ministro Emma Bonino, "a mia conoscenza e' nell'agenda del presidente attuale". Il ministro ha anche ricordato che il ministro degli esteri birmano mercoledi' prossimo sara' a Roma per un seminario alla Farnesina con le imprese italiane, che sara' "tappa importante" verso la visita di un gruppo di Commissari europei, tra cui Ashton e Tajani, in Birmania il 14 e 15 novembre.






- WebSite Info