sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 settembre 2020 
LunMarMerGioVenSabDom
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

SELEZIONE AGENZIE - 22 OTTOBRE

MUTILAZIONI GENITALI/BONINO: SOCIETA' CIVILE CI SOSTENGA ANCHE SE C'E' CRISI SERVE SOSTEGNO FINANZIARIO PER BATTAGLIA
ANSA - "Spero che la società civile mi sostenga" nell'impegno finanziario dell'Italia a favore della campagna per abolire la pratica delle mutilazioni genitali femminili. Lo ha detto il ministro degli Esteri Emma Bonino nel corso di una conferenza internazionale a Roma sul tema, ammettendo che "l'Italia vive in un periodo difficile per la crisi economica e mantenere gli impegni non è facile neanche davanti l'opinione pubblica". In ogni caso, si tratta di una battaglia per la difesa dei diritti umani "che non ha frontiere", ha aggiunto il ministro, assicurando che lavorerà per un impegno economico, finanziario e politico del governo in questa battaglia, mettendoci anche il suo "impegno personale di attivista di lungo corso".

INFIBULAZIONE/BONINO: IMPEGNO ITALIA PER ELIMINAZIONE PROSEGUIRA'. DAL 2008 STANZIATI QUASI 8 MLN DOLLARI PER PROGRAMMA UNFPA/UNICEF''
Adnkronos - L'Italia intende continuare a farsi carico di una parte significativa dell''impegno internazionale per sconfiggere la pratica delle mutilazioni genitali femminili nel   mondo. Lo ha assicurato la ministro degli Esteri Emma Bonino aprendo questa mattina all'Auditorum Parco della Musica di Roma la conferenza internazionale "Azioni per raggiungere gli impegni previsti dalla risoluzione 67/146 dell''Assemblea generale dell'Onu. Intensificare gli sforzi globali per l'eliminazione delle mutilazioni genitali femminili'' promossa dall''Unfpa e dall'Unicef per lanciare la seconda fase della campagna avviata nel 2008. "Fra le altre iniziative, dal 2008 l''Italia ha contribuito al programma congiunto Unfpa Unicef sulle mutilazioni genitali femminili con quasi 8 milioni di dollari", ha ricordato Bonino, sottolineando "l'impegno responsabile e coerente svolto finora, e che si "intende continuare a svolgere", "pur in condizioni non facili", ha precisato la ministro. "Il messaggio contenuto nel rapporto sulla valutazione dei risultati di questo programma offre segnali di speranza: 12 dei 15 Paesi seguiti dall''iniziativa hanno introdotto leggi che affrontano in modo specifico le mutilazioni genitali femminili mentre 10mila comunità che rappresentano circa 8 milioni di persone in 15 paesi diversi si sono impegnati ad abbandonare tali pratiché, ha aggiunto Bonino impegnata in questa campagna da 13 anni, da quando era parlamentare europea e che ha continuato con tutte le cariche che ha avuto in questo periodo.

IMMIGRAZIONE/BONINO: ABOLIRE BOSSI-FINI NON BASTA, SERVE UE
ANSA - L'abolizione della legge Bossi-Fini sull'immigrazione clandestina "è una cosa che possiamo fare in Italia ma ce ne sono altre che vanno fatte a livello europeo". Così il ministro degli Esteri Emma Bonino ad una domanda sulla Bossi-Fini a margine di una conferenza a Roma. "Dobbiamo cominciare - ha aggiunto - a fare una riflessione sulla buona immigrazione che sta contribuendo enormemente al Pil Italiano". Per Bonino "ci sono si' responsabilita' italiane ma dovrebbero essere anche europee".

IMMIGRAZIONE/BONINO: FENOMENO INARRESTABILE DA GOVERNARE
ANSA - L'immigrazione e' un fenomeno "quasi inarrestabile e quindi va accettato, ponendosi il problema di come governarlo al meglio". Lo ha detto il ministro degli Esteri Emma Bonino aggiungendo che "non ci sono grandi modelli da seguire perché in tutto il mondo e nella storia le grandi migrazioni sono state problematiche sia per chi partiva sia per chi le riceveva". Nell'affrontare il fenomeno bisogna provare a "correggere errori fatti in passato, anche in buonafede e trarne una lezione" e cioè "riconoscendo che si tratta di gente che scappa dalla fame e dalla guerra e che e' un fenomeno da governare".






- WebSite Info