sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 agosto 2020 
LunMarMerGioVenSabDom
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

CPI/BONINO: ASCOLTARE ISTANZE AFRICANE, TROVEREMO SOLUZIONE. MINISTRO ALL'AJA PER ASSEMBLEA STATI PARTE CORTE INTERNAZIONALE

Ansa, 21 novembre - "La Corte penale internazionale ha bisogno dell'Africa, così come l'Africa ha bisogno della Corte per assicurare alla giustizia i responsabili dei più gravi crimini commessi in questo continente. Non dobbiamo sottostimare le istanze dell'Unione africana. Dobbiamo essere, e lo siamo, disposti ad ascoltare, discutere e trovare soluzioni per mantenere la fiducia degli Stati africani". Il ministro degli Esteri Emma Bonino interviene all'Aja alla XII Assemblea degli Stati Parte della Corte penale internazionale, in un momento cruciale per i rapporti tra il tribunale e gli Stati africani. In particolare, l'Unione africana ha chiesto che siano rinviati i processi dei dirigenti in carica, come quelli a carico del presidente kenyano Uhuru Kenyatta e del suo vice William Ruto accusati dalla Cpi di crimini contro l'umanità per le violenze post-elettorali del 2008. La richiesta è stata bocciata dal Consiglio di sicurezza dell'Onu, e alcuni Stati africani potrebbero ritirare la propria collaborazione con la Corte. "L'effettiva cooperazione internazionale alla Corte e' cruciale per l'adempimento del suo mandato", ha avvertito Bonino senza citare espressamente il caso kenyano. E senza citare nemmeno i casi del sudanese Omar al Bashir o di Saif Gheddafi, il ministro ha poi evocato "nuovi sforzi" e "un'azione più determinata da parte dell'Assemblea degli stati parte e del Consiglio di sicurezza per assicurare l'esecuzione dei mandati di arresto" spiccati dalla Cpi. Nel ribadire il "pieno sostegno" dell'Italia alla giustizia internazionale, la titolare della Farnesina ha infine invitato la comunità internazionale a fornire alla Corte "più collaborazione, maggiori risorse finanziarie e, soprattutto, sostegno politico". Un sostegno, ha sottolineato, che "non sia cieco alle criticità e a quelle aree in cui la Corte deve migliorare".






- WebSite Info