sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 dicembre 2018 
LunMarMerGioVenSabDom
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

SELEZIONE AGENZIE - 20 GENNAIO

MARO'/BONINO: TUTTE OPZIONI RESTANO SU TAPPETO. NACCETTABILE MANCANZA CAPO ACCUSA E RIBALTAMENTO ONERE PROVA
Ansa - "Tutte le opzioni sono sul tappeto, anche quelle più di pertinenza della Ue" nei confronti dell'India. Cosi' Emma Bonino, arrivando al Consiglio esteri, commenta il rinvio del caso dei marò deciso dalla Corte suprema. "Se a due anni dai fatti non si è neanche in grado di stabilire un capo d'accusa, è evidente che questa è una violazione di qualunque idea di giustizia adeguata" ha detto, definendo "inaccettabile" l'applicazione della legge indiana sulla pirateria che comporterebbe l'inversione dell'onere della prova. Confermando che porrà la questione sul tavolo del Consiglio, Bonino ha specificato che "innanzitutto dovremo verificare le novità che arrivando da New Dehli". Il ministro degli esteri ha poi indicato che "se venisse applicata" la procedura indiana "come strumento per individuare il capo di imputazione, non tanto e solo sulla pena di morte ma sul fatto che usandolo si inverte il carico della prova, sarebbe evidentemente un elemento inaccettabile dal punto di vista della affidabilità o inaffidabilità di un sistema giudiziario". "Se così fossero le cose - ha aggiunto Bonino - tutte le opzioni sono sul tappeto e sicuramente anche quelle di pertinenza più specifica dell'Unione europea". Ai giornalisti che chiedevano se si riferisse anche all'ipotesi di una 'guerra commerciale' con l'India ha risposto:  "Ricomincio, tutte le opzioni sono sul tappeto per quanto ci riguarda".

SIRIA/BONINO: DA GINEVRA 2 ATTENDO INIZIO DIALOGO. TREGUE UMANITARIE PRIMO RISULTATO NECESSARIO

Ansa - L'inizio di un dialogo e tregue umanitarie sono i primi risultati che il ministro degli esteri Emma Bonino si attende come risultato da 'Ginevra 2', la conferenza sulla Siria che si aprirà mercoledì a Montreux. Rispondendo a chi chiedeva quali risultati si attendesse da 'Ginevra 2', Bonino ha risposto: "L'inizio di un processo, che sappiamo bene sarà lungo, difficile e molto complicato, ma sarà almeno un inizio di dialogo. La prima cosa necessaria sono tregue umanitarie per un accesso umanitario, perché la catastrofe umanitaria e' l'elemento più inaccettabile" in Siria.

SIRIA/MINISTRO BONINO: CONFERENZA DI GINEVRA II RAPPRESENTI INIZIO DIALOGO
Nova - La conferenza di Ginevra II prevista per mercoledi' a Montreux deve rappresentare "l'inizio di un processo che sappiamo sarà lungo, difficile e molto complicato", ma dev'essere "almeno l'inizio del dialogo". E' quanto si aspetta il ministro degli Esteri, Emma Bonino, giunta questa mattina a Bruxelles per partecipare alla riunione dei capi delle diplomazie dell'Ue. Secondo la Bonino, la "prima cosa necessaria" è garantire l'accesso umanitario in Siria, perché "la catastrofe umanitaria e' l'elemento piu' inaccettabile" della crisi nel paese.






- WebSite Info