sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 dicembre 2018 
LunMarMerGioVenSabDom
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

IL MINISTRO DEGLI ESTERI EMMA BONINO SULLA SITUAZIONE IN UCRAINA E IN LIBIA

UCRAINA/BONINO: VIOLENZA INACCETTABILE

Roma 19 Febbraio 2014

“La gravità degli scontri in corso a Kiev pone il popolo ucraino di fronte ad una situazione drammatica, di una violenza inaccettabile che come europei condanniamo con estrema fermezza. E’ con massima preoccupazione che va considerato - e scongiurato - il rischio concreto di una guerra civile alle porte dell’Unione Europea.Insieme ai miei colleghi europei rinnovo alle Autorità ucraine l’appello più deciso affinché cessino reazioni violente, indiscriminate e sproporzionate alle proteste popolari, che devono svolgersi pacificamente, nell’ambito della legalità. Non potranno essere più tollerati abusi nei confronti della popolazione, né provocazioni di frange estremiste e violente. Nonostante i margini negoziali fra governo ed opposizioni appaiano in queste ore ancora più ridotti, non esiste alcuna vera alternativa alla ripresa del dialogo, che l’Europa intende sostenere col massimo impegno. In caso di continuazione delle violenze, non escludiamo il ricorso a misure restrittive eccezionali”.

 

LIBIA/BONINO: NECESSARIA USCITA URGENTE DA STALLO POLITICO

Roma 19 Febbraio 2014

Interpellata sulla confusa situazione a Tripoli la Ministro Bonino ha rilasciato questa dichiarazione : “Le notizie sulle nuove convulsioni di piazza a Tripoli rafforzano la mia convinzione che la Libia deve urgentemente uscire senza l'uso della forza dallo stallo politico che incide sulla considerazione dei libici nei confronti delle loro istituzioni. Serve una forte iniziativa delle forze politiche per individuare in tempi brevi un percorso credibile di soluzione dalla crisi in modo pacifico e democratico. L'Italia, come molti partners internazionali, rimane fortemente impegnata a sostenere la Libia nel processo di transizione democratica ma i libici devono prendere in mano il loro destino astenendosi da inammissibili iniziative violente che compromettono il loro futuro. Non si devono vanificare gli enormi sacrifici della rivoluzione del 17 febbraio, domani i libici sono chiamati a votare per la loro Assemblea Costituente e devono cogliere l’occasione per ripartire lungo un percorso di ricostruzione istituzionale e economica.”





Comunicati su:
[ Africa ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Italia ] [ Libia ] [ Unione Europea ]

Rassegna Stampa su:
[ Africa ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Italia ] [ Libia ] [ Unione Europea ]

Interventi su:
[ Africa ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Italia ] [ Libia ] [ Unione Europea ]


- WebSite Info