sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 novembre 2019 
LunMarMerGioVenSabDom
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

AFGHANISTAN: HIGH RISK OF ATTACKS DURING ELECTIONS, SAYS CHIEF EU OBSERVER

From AKI (Adnkronos International), 3 August 2005 Afghanistan's landmark parliamentary and provincial elections on September 18 look set to be accompanied by a high risk of terror attacks, the head of the EU's election observer mission, Emma Bonino, has warned. Speaking to Adnkronos International (AKI) about her security concerns, the former European Humanitarian Aid Commissioner, described the elections - which will involve some 6,000 candidates and nine million voters - as a "miracle", but one which represents a target for those who want to obstruct the democratic process. "I don't rule out the fact that the Afghan elections could represent an occasion for Islamic extremists to organise a huge attack," she said. "With the recent tragic events, from London to Sharm el-Shiekh, they have shown us that they can strike wherever they want to. Therefore I fear that something similar will happen here, we must always keep that in mind. Possibly an attack on the United Nations headquarters." From Kabul, where Italy will officially assume command of the International Security Assistance Force on Thursday, in the presence of foreign minister Gianfranco Fini, Bonino - who is Italian herself - told AKI of "intimidation of a violent kind" in the dealings with various candidates, and she does not exclude Afghanistan being turned into a stage for Islamic terrorists." On one hand the 10,000 troops present represent "an important deterrant", the European parliamentarian believes, but on the other, the "security threat, without a proper police force, with commanders-turned-drug traffickers and the resumption of al-Qaeda terrorists or extremists infiltrating Afghanistan from countries like Pakistan" remains high. The latter worries Bonino most, especially in two northern regions, those of Kudar and Uristan, not reached by the 60 long-term electoral observers who arrived in Kabul on Tuesday. Completing the picture is the difficulty in verifying news published or broadcast by the media. For example, Bonino says: "the newspapers report the news of the discovery of 2,000 missiles, but here we haven't had confirmation. We do know, however, of three candidates killed on May 11, June 22 and July 29, but no-one talks about that." As well as the communication problems, threats of attacks, political obstacles posed by the kaleidoscope of tribal identities and unions in the country, she is also particularly worried that those going to vote have unrealistically high expectations that the elections will truly change the country. "Yes the expectations are very high. Possibly too high," explained Bonino, pointing out that one million 500,000 more people have registered to vote than in the presidential elections in October 2004. Around nine million Afghans should therefore turn out to choose between the 6,000 candidates (10 percent of whom are women, who have been allocated 68 seats in parliament out of a total of 239) in elections being held both for the parliament and the provincial councils. "The desire for change is very strong and this makes me think that the extremists will not be able to win the war," Bonino continues, "but we must keep in mind that these elections are only a step towards change. Others will be needed." Emma Bonino has many examples of the enormous strength the candidates are displaying as the elections approach: like the 35-year-old, unmarried female candidate supported by her whole family, forced to carry out a high-profile electoral campaign (which should officially begin on August 17) to prove that she isn't dead, as the Taliban has declared. Or like the other candidate, who Bonino often refers to, who has decided to go in person to visit her potential voters, as her local TV has a coverage of only 21 kilometres, even though 75 per cent of the bridges were destroyed by the recent floods. To the logistical difficulties the territory represents, she then adds the difficulties linked to the short supply of funds. "The United Nations have been clear," the head of the EU's observer mission points out. "Tens of millions of the dollars promised never arrived. For security reasons and because of the complexity of producing the material needed for the vote, another 20 million euros are now needed, in addition to the initial amount expected." Italy has already responded to this need, she said, deciding to "increase its contribution by a million euros." "Now pressure needs to be put on other European countries," Bonino continues, "to fill the major gap that has opened up and to fill a real void, keeping promises, which if not kept, risk creating a loss of faith" among the Afghan people. "Compared to the elections held a year ago it is all much more difficult," Bonino says. "The electoral system is more complicated, with ballot papers which are basically long sheets printed in Austria and England, the increasingly insistent threats, the challenge of finding the Pakistan-produced electoral cabins... These elections will be a miracle, but I believe in them. I think they will work." Italian version AFGHANISTAN: BONINO, ALTO RISCHIO ATTENTATI A KABUL PER ELEZIONI Kabul come Londra, l'Afghanistan come l'Egitto di Sharm el-Sheik. E' questo lo scenario del terrore che potrebbe accompagnare le prossime elezioni parlamentari e provinciali afghane, previste per il 18 settembre nelle 34 province del Paese asiatico. A mettere in luce sul rischio attentati che potrebbe minare il processo elettorale in atto e' Emma Bonino, a capo della missione di osservazione elettorale dell'Unione europea. L'europarlamentare radicale, infatti, non nasconde ad Aki (Adnkronos International) come la sua maggiore preoccupazione sia appunto legata alla questione ''sicurezza''.Ritenuto dall'ex commissario europeo per gli aiuti umanitari un vero e proprio ''miracolo'', l'appuntamento elettorale che coinvolgera' qualcosa come seimila candidati e nove milioni di votanti potrebbe rappresentare un bersaglio per quanti ne ostacolano il processo democratico. ''Non escludo che le elezioni afghane possano rappresentare un'occasione, per gli estremisti islamici, di organizzare un grande colpo - dichiara - Con gli ultimi tragici eventi, da Londra a Sharm el-Sheik, ci hanno dimostrato che possono colpire ovunque vogliano. Temo quindi qualcosa di simile anche qui, dobbiamo tenerlo presente. Magari un attacco alla sede delle Nazioni Unite, non so''. Da Kabul, dove domani l'Italia prendera' ufficialmente la guida delle forze Isaf alla presenza del ministro Fini, la Bonino parla di ''intimidazioni di tipo violento'' nei confronti dei vari candidati, ma non esclude che l'Afghanistan possa trasformarsi in un palcoscenico per i terroristi islamici. Se da un lato i diecimila militari presenti rapprestano per la parlamentare europea ''un imporrtante deterrente'', dall'altro resta alta la ''minaccia della sicurezza senza una polizia formata, con i comandanti trasformati in narcotrafficanti e la ripresa delle inflitrazioni di terroristi di al-Qaeda o di estremisti da Paesi quali il Pakistan''. Una realta', quest'ultima, che preoccupa la Bonino soprattutto in due regioni settentrionali, quella di Kudar e di Uristan, non raggiunte dai 60 osservatori elettorali di lungo termine giunti ieri a Kabul. A completare il quadro, poi, la difficolta' nel verificare le notizie diffuse dai mezzi d'informazione. Un esempio, su tutti: ''i giornali riportano la notizia del ritrovamento di duemila missili, ma da qui non ne abbiamo conferma. Sappiamo invece di tre candidati uccisi l'11 maggio, il 22 giugno e il 29 luglio, ma di questo nessuno parla''. Difficolta' di comunicazione, minacce di attentati, ostacoli politici derivanti da un realta' caleidoscopio di identita' e unita' tribali. Ma anche, e soprattutto, un'aspettativa molto alta da parte di chi crede, recandosi alle urne, di poter cambiare realmente il Paese. ''Sì, l'aspettativa e' molto alta. Forse troppo'', sottolinea la Bonino ricordando come la riapertura delle operazioni di registrazione al voto abbiano contato un milione e 500 mila elettori in piu' rispetto alle presidenziali dell'ottobre 2004. Saranno circa nove milioni, quindi, gli afghani che dovrebbero scegliere tra ben seimila candidati (il 10% composto da donne a cui spetteranno 68 seggi in parlamento su un totale di 239) ad elezioni che sono contemporaneamente per il Parlamento e i Consigli provinciali. ''Il desiderio di cambiamento e' molto forte - prosegue ancora la Bonino - e questo mi fa pensare che gli estremisti non siano oggi in grado di vincere una guerra. Ma bisogna tener presente che queste elezioni sono solo un passo verso il cambiamento, ne saranno necessari altri''. Esempi della forza con cui ci si avvia alle elezioni ce ne sono parecchi: dalla candidata 35enne, non sposata e sostenuta dall'intera famiglia, costretta a una campagna elettorale (che uffcialmente iniziera' il 17 agosto) serrata per dimostrare che non e' morta, come invece hanno dichiarato i talebani di ritorno. O come quell'altro candidato, di cui sempre riferisce la Bonino, che ha deciso di recarsi di persona dai suoi papabili elettori dal momento che la tv locale della sua provincia ha una copertura di appena 21 chilometri (contando che il 75% dei ponti e' stato distrutto dalle alluvioni degli scorsi giorni). A difficolta' logistiche e 'di territorio', poi, si aggiungono quelle legate ai finanziamenti che scarseggiano. ''Le Nazioni Unite sono state chiare - ricorda l'europarlamentare radicale - Mancano qualche decina di milioni di dollari promessi. Per ragioni di sicurezza e per la complessita' nella realizzazione del materiale necessario al voto, infatti, sono ora necessari 20 milioni di euro in piu' rispetto al bilancio previsto inzialmente''. Un cambio di scenario al quale l'Italia ha gia' risposto, decidendo di ''aumentare di un milione di euro i contributi'' elargiti. ''Ora occorre fare pressione sugli altri Paesi europei - prosegue la Bonino - per colmare il Gap forte che si e' venuto a creare e colmare un vuoto reale, mantenendo così quelle promesse che se non eluse rischierebbero di creare un vuoto di fiducia'' da parte del popolo afghano. ''Rispetto alle elezioni di un anno fa e' tutto molto piu' difficile - prosegue - il sistema elettorale e' piu' complesso, con schede elettorali che sono veri e propri lenzuoli stampate in Austria e in Inghilterra, le minacce piu' insistenti, la complessita' nel reperire le cabine elettorali prodotte in Pakistan... Queste elezioni saranno un miracolo, ma io ci credo. Credo che riusciranno''.




Comunicati su:
[ Unione Europea ] [ Italia ] [ Afghanistan ] [ Islam e democrazia ] [ Libertà di religione ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ]

Rassegna Stampa su:
[ Unione Europea ] [ Italia ] [ Afghanistan ] [ Islam e democrazia ] [ Libertà di religione ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ]

Interventi su:
[ Unione Europea ] [ Italia ] [ Afghanistan ] [ Islam e democrazia ] [ Libertà di religione ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ]


- WebSite Info