sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 luglio 2020 
LunMarMerGioVenSabDom
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

COMMERCIO CON I PAESI UE/BONINO: "EXPORT VOLA, RENDERE STRUTTURALE QUESTA CRESCITA"

Roma, 25 settembre 2007 - "La performance del commercio estero italiano nei primi sette mesi del 2007 è stata davvero eccezionale e si può riassumere in un dato: il surplus commerciale per i prodotti industriali manufatti nel periodo gennaio-luglio 2007 ha raggiunto i 28,9 miliardi di euro, in crescita di ben 6,3 miliardi rispetto al gennaio-luglio del 200"?. E' quanto afferma Emma Bonino, Ministro per il Commercio Internazionale e per le Politiche Europee commentando i dati diffusi oggi dall'Istat in merito all'interscambio commerciale a luglio con i paesi dell'Unione Europea. "Questi dati ispirano fiducia ed ottimismo? - prosegue il Ministro - ma non bisogna abbassare la guardia : a partire dalla Finanziaria che deve, con maggiori risorse, tendere a sostenere e rendere strutturale questa crescita ,oltre a favorire un rilancio dei consumi interni"?. Nel mese di luglio è proseguita a tassi a due cifre la crescita dell'export italiano verso i Paesi UE (+17,9%) con un consolidamento del trend già in atto, che ha consentito nel periodo gennaio-luglio di incrementare le vendite nei paesi UE del 12,6% rispetto all'analogo periodo del 2006. Il saldo verso i Paesi UE nei primi 7 mesi dell'anno è migliorato globalmente di 4,9 miliardi di euro, passando dai -311 milioni di euro del corrispondente periodo dello scorso anno agli attuali 4,6 miliardi. Aumenti notevoli delle esportazioni italiane si sono avuti a luglio verso la Francia, la Germania, la Spagna e numerosi Paesi membri dell'Europa Centro-Orientale. L'export di macchine e apparecchi continua a trainare l'interscambio italiano con la UE, con una crescita del 18,2% a luglio e del 13,7% nei primi sette mesi. Ma molto positiva è stata a luglio anche la dinamica delle vendite nella UE dei comparti più tradizionali del "made in Italy"?: tessile-abbigliamento, pelli-calzature e mobili. La bilancia commerciale complessiva nel periodo gennaio-luglio 2007 rimane negativa a causa dell'impatto strutturale dell'energia (-5,5 miliardi), ma risulta in netto miglioramento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, essendo il deficit calato di ben 8,7 miliardi, soprattutto per effetto del già citato boom dell'export di prodotti industriali. Nel complesso l'export italiano nel primo semestre è stato tra i più dinamici in Europa assieme a quello tedesco, come recentemente indicato dall'Eurostat.




Comunicati su:
[ Commercio Estero ] [ Economia ] [ Globalizzazione ] [ Italia ] [ Made in Italy ] [ Unione Europea ]

Rassegna Stampa su:
[ Commercio Estero ] [ Economia ] [ Globalizzazione ] [ Italia ] [ Made in Italy ] [ Unione Europea ]

Interventi su:
[ Commercio Estero ] [ Economia ] [ Globalizzazione ] [ Italia ] [ Made in Italy ] [ Unione Europea ]


- WebSite Info