sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 agosto 2020 
LunMarMerGioVenSabDom
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

BONINO: UE DOVREBBE ESSERE PIU' CREDIBILE SULLA TURCHIA

Da un lancio ApCom del 9 novembre 2007 Sulla Turchia l'Europa deve essere più credibile e ricominciare a seguire una linea comune. Lo ha detto il ministro per il Commercio internazionale e le politiche europee, Emma Bonino, a margine del convegno di presentazione del nuovo think tank "European Council on Foreign Relations", svoltosi oggi a Berlino. "Non dobbiamo perdere credibilità su un soggetto e un tema che dipendono solo da noi e non da americani o russi", ha spiegato il ministro. "Dovremmo smetterla di andare in giro a dire 'No alla Turchia' - vedi i francesi - oppure 'partnership'", ha aggiunto. "Il problema è che tutti rimettono in discussione" la linea comune della Ue verso la Turchia, "e allora la nostra credibilità va a zero", mentre ""dovremmo essere più credibili e un po' più seri e chiari". Sul piano concreto, spiega Bonino, occorre richiamare i Paesi titubanti o contrari all'ingresso della Turchia nella Ue "a dati di credibilità". Sulla strategia nei confronti di Ankara "l'Italia non è sola", ricorda il ministro, ma ha dalla sua parte i Paesi del nord e dell'est Europa e la Gran Bretagna, con cui "va rafforzata" l'alleanza sul dossier Turchia. "Solo è Sarkozy, per il momento, e i tedeschi", ha concluso.




Comunicati su:
[ Allargamento ] [ Turchia ] [ Unione Europea ]

Rassegna Stampa su:
[ Allargamento ] [ Turchia ] [ Unione Europea ]

Interventi su:
[ Allargamento ] [ Turchia ] [ Unione Europea ]


- WebSite Info