sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 luglio 2020 
LunMarMerGioVenSabDom
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

COMMERCIO CON I PAESI UE/BONINO: “BILANCIA IN ATTIVO PER OLTRE 5 MILIARDI”

Roma, 16 novembre 2007 - “Nei primi nove mesi del 2007 le esportazioni verso la Ue mantengono un tasso di crescita (+11,2%) superiore a quello delle importazioni (+7,4%) permettendo un surplus commerciale verso i Paesi partner di 5,4 miliardi di euro, in netto miglioramento rispetto ai 17 milioni dello stesso periodo dell’anno precedente. È ancora un segnale di ripresa, espressione dell’industria italiana che ha riconquistato il suo principale mercato, quello europeo, dove è destinato oltre il 55% del nostro export”. È quanto afferma Emma Bonino, Ministro per il Commercio Internazionale e per le Politiche Europee commentando i dati istat diffusi oggi. “I tassi di crescita dell’export verso i principali partner europei si mantengono nei primi nove mesi del 2007 su valori decisamente positivi” - prosegue il Ministro - “dall’8,4% della Francia a circa il 15% della Spagna. Questi risultati consentono un miglioramento di oltre un miliardo di euro nei saldi commerciali registrati nei confronti di Francia, Regno Unito e Spagna”. Proseguono i risultati straordinari sui mercati dell’Europa centrorientale con crescite cumulate di oltre il 30% nei primi nove mesi verso la Lettonia e la Lituania e oltre il 20% verso la Repubblica Ceca, l’Estonia, la Polonia, la Slovacchia e la Slovenia. “A trainare il nostro export” - conclude il Ministro - “è l’interscambio commerciale manifatturiero cresciuto nei primi nove mesi dell’11,3%, tra cui spiccano gli aumenti dei prodotti in metallo (+20,7%), delle macchine-apparecchi (+14,7%) e dei mobili (+9,1). Dopo l’approvazione in via definiva della finanziaria si renderanno disponibili risorse per la promozione più ingenti che negli anni passati, non solo per continuare a sostenere la crescita sui mercati emergenti ma anche per contrastare l’effetto di rallentamento che potrebbe derivare da fattori valutari o da contrazioni dei trend di consumo su altri grandi mercati come Stati Uniti e Giappone”.




Comunicati su:
[ Commercio Estero ] [ Economia ] [ Globalizzazione ] [ Italia ] [ Unione Europea ]

Rassegna Stampa su:
[ Commercio Estero ] [ Economia ] [ Globalizzazione ] [ Italia ] [ Unione Europea ]

Interventi su:
[ Commercio Estero ] [ Economia ] [ Globalizzazione ] [ Italia ] [ Unione Europea ]


- WebSite Info