sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 luglio 2020 
LunMarMerGioVenSabDom
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

COMMERCIO PAESI UE, BONINO: “EXPORT FATTORE DI CRESCITA DEL PAESE”

Roma, 14 dicembre 2007 - “I dati di ottobre segnalano una dinamica dell’export italiano - sia verso i Paesi UE che quelli extra UE - che rimane solidamente positiva; malgrado un relativo peggioramento della congiuntura internazionale e il profilo sfavorevole dei rapporti di cambio”. È quanto afferma Emma Bonino Ministro per il Commercio Internazionale e per le Politiche Europee commentando i dati Istat diffusi oggi. “A ottobre il saldo commerciale con i Paesi extra UE è risultato in surplus per l’ottavo mese consecutivo” - prosegue il Ministro - “mentre quello con il mondo nel suo complesso è positivo per la terza volta quest’anno (nonostante il peso del deficit energetico), dopo esserlo già stato a giugno e luglio”. “Un dato su tutti – aggiunge Bonino - testimonia l’incredibile performance del nostro export : nei primi 10 mesi del 2007 il saldo commerciale attivo dell’Italia con l’estero per i prodotti industriali manufatti ha raggiunto i 41,8 miliardi di euro: una cifra superiore a quella del surplus dell’intero 2006 ( 41,3 miliardi).Si tratta senza dubbio di un contributo rilevante alla crescita dell’economia, soprattutto in una fase di ripresa tuttora incerta dei consumi interni”. “Nello specifico a trainare le nostre esportazioni” - ha concluso il Ministro - “sono i cinque principali macrosettori del made in Italy (tessile-abbigliamento, cuoio-calzature, mobili, prodotti dei minerali non metalliferi e macchine ed apparecchi) che nel periodo gennaio-ottobre 2007 hanno presentato un surplus di 64,6 miliardi di euro, in crescita di 6,1 miliardi”. Per quanto riguarda i paesi europei cresciamo con tassi sempre a due cifre verso quelli dell’Europa Centro Orientale (Repubblica Ceca, Polonia, Slovacchia, Slovenia, Ungheria) e tassi di minore entità ma pur sempre importanti verso i principali mercati dell’Europa Occidentale (Germania +9.3%, Francia +8,3%, Regno Unito, +6,6% e Spagna 14,4%). Il saldo commerciale con la UE-27 nel periodo gennaio-ottobre 2007 è stato attivo per 6,1 miliardi di euro, con un miglioramento di 5,9 miliardi rispetto allo stesso periodo del 2006. Considerando il mondo nel suo complesso, nel periodo gennaio-ottobre 2007 l’export italiano è aumentato dell’11,5%, con un deficit diminuito di ben 12,2 miliardi di euro rispetto allo stesso periodo del 2006. Al netto dei minerali energetici l’interscambio è stato attivo per 33,5 miliardi con un miglioramento di 9,5 miliardi, trascinato principalmente dai prodotti tipici del made in Italy.




Comunicati su:
[ Commercio Estero ] [ Economia ] [ Globalizzazione ] [ Italia ] [ Unione Europea ]

Rassegna Stampa su:
[ Commercio Estero ] [ Economia ] [ Globalizzazione ] [ Italia ] [ Unione Europea ]

Interventi su:
[ Commercio Estero ] [ Economia ] [ Globalizzazione ] [ Italia ] [ Unione Europea ]


- WebSite Info