sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 settembre 2019 
LunMarMerGioVenSabDom
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

DALAI LAMA/BONINO: NON HO CONDIVISO LA SCELTA DI PRODI

Da un lancio ApCom del 17 dicembre 2007 "Da una parte va dato atto di una scelta di limpidità e sincerità del presidente del consiglio, nel senso che anche chi si comporta nello stesso modo non lo ammette mai. Ma è una scelta che non ho condiviso". Così il ministro Emma Bonino, dai microfoni di Radio Radicale, commenta la dichiarazione del Premier Romano Prodi che ieri sera ha detto di non aver ricevuto il Dalai Lama per la ragion di stato. "Io il Dalai Lama l'ho incontrato - dice Bonino - lo hanno incontrato i Radicali e speriamo di fare con lui il grande Satyagrha del 2008, per una questione diversa, e cioè perchè penso che la Cina sia certamente un grande partner, ma penso anche che vanno dati messaggi chiari alla Cina. Sul Dalai Lama - spiega - il terrore della Cina è che ci sia la campagna per l'indipendenza del Tibet, mentre non è così visto che il Dalai Lama si pronuncia da sempre per una autonomia della provincia del Tibet". "Così come non abbiamo taciuto sulla pena di morte come su altre campagne - aggiunge ancora il ministro - io penso che occorra un dialogo rispettoso ma anche più netto per quanto riguarda le cose in cui crediamo. Si corrono certo dei rischi, ma alla fine può essere pagante spiegare ai cari amici cinesi che non li consideriamo né avversari né nemici ma ribadiamo che su determinati punti i nostri valori sono diversi. Prendo atto della scelta del premier e della sincerità con cui ha parlato mettendo tutti nelle condizioni di potersi fare delle opinioni" conclude la Bonino, aggiungendo di credere che "pur tenendo conto della ragion di Stato, esistano margini di messaggio e di dialogo di amicizia con i cinesi, ma anche di consistenza rispetto alle cose e alle azioni in cui abbiamo creduto".




Comunicati su:
[ Asia ] [ Cina ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Estremo Oriente ] [ Italia ] [ Tibet ] [ Unione Europea ]

Rassegna Stampa su:
[ Asia ] [ Cina ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Estremo Oriente ] [ Italia ] [ Tibet ] [ Unione Europea ]

Interventi su:
[ Asia ] [ Cina ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Estremo Oriente ] [ Italia ] [ Tibet ] [ Unione Europea ]


- WebSite Info