sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 maggio 2022 
LunMarMerGioVenSabDom
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

NO TAV/EMMA BONINO: FORTE SOLIDARIETA’ A BRESSO, CHIAMPARINO, SAITTA E FERRENTINO.

CHI SI SPACCIA PER ALFIERE DELLA DEMOCRAZIA TIENE IN REALTA’ IN OSTAGGIO UN’INTERA VALLE E UN INTERO PAESE. NON CE LO POSSIAMO PERMETTERE. Roma, 4 aprile 2008 - Dichiarazione di Emma Bonino (Ministro per il commercio internazionale e per le politiche europee, capolista al Senato in Piemonte per il Partito Democratico) sulle contestazioni dei manifestanti NO TAV, che hanno impedito ieri sera ai Presidenti della Regione Piemonte e della Provincia di Torino e al sindaco di Torino di partecipare a un incontro in Val di Susa con la popolazione: “Esprimo, innanzitutto, piena e forte solidarietà a Mercedes Bresso, Sergio Chiamparino e Antonio Saitta. Ed anche ad Antonio Ferrentino, per le vergognose minacce a lui dirette. Tira nel Paese una brutta aria: si impedisce con la violenza a Giuliano Ferrara di tenere i suoi comizi; si impedisce ai rappresentanti delle istituzioni locali di incontrare la popolazione della Val di Susa. Una rumorosa minoranza che si spaccia per alfiere della democrazia diretta tiene in realtà in ostaggio la grande maggioranza della popolazione della Valle ma tiene anche in ostaggio un intero Paese, che rischia di essere sempre di più emarginato dalle grandi vie di comunicazione europee. Non ce lo possiamo permettere. Lo dico con la franchezza che mi riconoscono anche gli avversari più acerrimi: se sarò eletta, continuerò a battermi con tutte le energie per assicurare al Piemonte, all’Italia il collegamento con il sistema di alta velocità europeo; il dialogo, il confronto con chi è contrario è doveroso e prezioso; ma veti, ricatti, minacce, prove di forza sono inaccettabili.” --------------------- MADE IN ITALY/BONINO: “AL VIA FONDO DI VENTURE CAPITAL PER START UP” Roma, 4 aprile 2008 - Nasce il primo fondo di start up per lo sviluppo internazionale delle imprese italiane, stanziato dal Ministero del Commercio Internazionale e gestito da SIMEST, la finanziaria pubblico-privata che promuove lo sviluppo delle imprese all’estero. Il fondo, che ha una dotazione iniziale di 4 milioni di euro, è destinato a sostenere la fase di start up delle piccole e medie imprese che decidono di aggregarsi in Italia per realizzare progetti di internazionalizzazione al di fuori dell’Unione Europea. “Certamente la fase iniziale, quella del lancio di un’azienda nel mercato internazionale è la più delicata” – spiega il Ministro Emma Bonino che si è fatta promotrice di questo progetto innovativo – “e il supporto pubblico, ad oggi, a questo livello, in pratica non esisteva. Eppure è nella progettazione, nel business plan di un’azienda che si può già intravedere la proiezione all’internazionalizzazione. Ecco perché abbiamo voluto questo fondo che si alimenta con gli utili della SIMEST e che - voglio specificarlo - non è a fondo perduto, perché vi è sempre il ritorno dell’investimento anche se dilazionato nel tempo. Crediamo che questo sia il modo migliore per aiutare gli imprenditori italiani di talento, e ce ne sono tanti in giro, che scommettono su un Made in Italy sempre più forte nei mercati esteri”. L’intervento consisterà nell’acquisizione da parte della SIMEST del capitale di rischio dell’investimento, fino ad un massimo del 49%, per un importo non superiore a 200 mila di euro per singola impresa proponente, e comunque a 400 mila per singolo investimento, avrà una durata compresa tra i due e i quattro anni - elevabili a 6 qualora la specificità del progetto lo richieda - al termine dei quali la SIMEST cederà la propria quota. Hanno la priorità le imprese di dimensioni minori e quelle che valorizzano l’imprenditorialità femminile e danno spazio all’innovazione di prodotto e di processo.




Comunicati su:
[ Commercio Estero ] [ Economia ] [ Italia ] [ Made in Italy ] [ Unione Europea ]

Rassegna Stampa su:
[ Commercio Estero ] [ Economia ] [ Italia ] [ Made in Italy ] [ Unione Europea ]

Interventi su:
[ Commercio Estero ] [ Economia ] [ Italia ] [ Made in Italy ] [ Unione Europea ]


- WebSite Info