sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 maggio 2020 
LunMarMerGioVenSabDom
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

ADOTTATA LA DICHIARAZIONE FINALE DELLA CONFERENZA ORGANIZZATA DA NON C’E’ PACE SENZA GIUSTIZIA AL CAIRO: “BANDIRE LE MGF UNA VOLTA PER TUTTE: UN OBIETTIVO POSSIBILE”

Cairo, 15 dicembre 2008 - Si è chiusa oggi con l’adozione per consenso di una Dichiarazione finale la Conferenza “Per l'eliminazione delle Mutilazioni Genitali Femminili - Dichiarazione del Cairo +5”, organizzata dall’associazione radicale Non c’è Pace Senza Giustizia in collaborazione con il Consiglio Nazionale per l'Infanzia e la Maternità (NCCM) egiziano e con il patrocinio della first lady Suzanne Mubarak, grazie anche al sostegno della Cooperazione Italiana, della Banca Mondiale e il coinvolgimento delle agenzie delle Nazioni Unite impegnate nella lotta alle MGF. Con questo incontro di alto livello, a cui hanno partecipato ministri, parlamentari, esponenti della società civile provenienti da 20 dei 28 Paesi afro-arabi interessati dalla pratica, si è voluto fare il punto sugli sviluppi positivi che si sono avuti in molti Paesi, anche al fine di elaborare strategie comuni in grado di fronteggiare le nuove sfide che la lotta alle MGF deve affrontare, sia a livello nazionale che regionale. Uno dei fenomeni più preoccupanti che sta emergendo con maggior forza, è quello della cosiddetta “emigrazione mutilatoria”, il che significa che i cittadini di Paesi dove le MGF sono proibite per legge continuano a praticarle in altri Paesi vicini, dove non esiste alcuna normativa che le bandisce. I partecipanti hanno deciso di impegnarsi per tenere un incontro nei prossimi dodici mesi, al fine di valutare ulteriormente l'attuazione delle raccomandazioni formulate nel corso dei lavori e di tutti gli altri sforzi tesi ad affrontare le MGF attraverso un approccio omnicomprensivo inserito nel contesto dei diritti umani, nonché per concepire azioni coordinate al fine di compiere ulteriori progressi nei diversi Paesi, così come a livello regionale e globale. Dichiarazione di Emma Bonino, Vicepresidente del Senato e fondatrice di Non c’è Pace Senza Giustizia: “Credo sia fondamentale che l’importanza dello strumento legislativo nella lotta alle MGF sia ormai acquisito e proprio in virtù degli incoraggianti passi avanti che si sono avuti da questo punto di vista negli ultimi cinque anni, occorre raddoppiare gli sforzi. Se riusciremo a tenere alta la mobilitazione e la pressione politica avremo l’effettiva possibilità di bandire una volta per tutte questa pratica”. Per maggiori informazioni si prega di contattare: Nicola Giovannini, email: ngiovannini@npwj.org - tel: + 32 2 548 39 14.




Comunicati su:
[ Africa ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Egitto ] [ Stop FGM! ]

Rassegna Stampa su:
[ Africa ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Egitto ] [ Stop FGM! ]

Interventi su:
[ Africa ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Egitto ] [ Stop FGM! ]


- WebSite Info