sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 novembre 2019 
LunMarMerGioVenSabDom
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

"SUBITO IN PIAZZA PER EVITARE UNA NUOVA LEGGE 40"

Liberazione - 15 febbraio 2009 Emma Bonino lo dirà anche sul palco del teatro Eliseo, dopo l`intervista: «Se ci limitiamo alla sola battaglia parlamentare abbiamo già perso». La leader dei radicali teme che la lotta contro il testamento biologico formato vaticano diventi «un film già visto», il film della legge 40 approvata dal governo Berlusconi e poi sottoposta al referendum che consacrò la vittoria dell`asse chiesa-centrodestra. Una sconfitta così lacerante, e recente, che i radicali non vogliono sperimentare ancora una volta. Ecco perché Bonino preferisce la mobilitazione immediata nella speranza di modificare almeno in parte il ddl Calabrò. Autorevoli giuristi avvertono che la legge sul testamento biologico è incostituzionale, dunque basterebbe, una volta approvata, ricorrere al giudice. Dobbiamo capire che questo è un precedente esplosivo. Da molti anni sono impegnata sul fronte dei diritti civili, ma la vicenda Eluana pone un punto di non ritorno. I media ci hanno bombardato a senso unico, il contraddittrio è andato in onda soltanto nelle ore notturne. Questa, lo ripeto, è una campagna goebbelsiana. Per fortuna abbiamo guadagnato tre settimane di tempo, la discussione dovrebbe arrivare all'aula del Senato a metà marzo. Mobilitiamoci subito altrimenti poi sarà troppo tardi perché quella legge è la negazione del testamento biologico e per farla passare questo governo potrebbe inventare un caso qualunque simile a quello di Eluana. Come si spiega il fatto che il Pd abbia votato il contingentamento dei tempi per approvare più velocemente quel decreto leggi poi fermato dalla morte di Eluana? Questo è accaduto alla Camera. E in Senato è difficile fare ostruzionismo, sono le regole. Favorevole ad un eventuale referendum? Giuridicamente esistono i presupposti, ma le condizioni politiche sono ancora da chiarire. Non protesta perla sostituzione del laico Marino con Dorino Bianchi? Confesso che la tempistica scelta non è delle più brillanti. Nessuna disistima nei confronti di Bianchi, ma la battaglia politica è dura e se avessero aspettato un mese lo avrei preferito. Avete intitolato il convegno all'eutanasia, tra virgolette. Qual è la menzogna più grave di questi giorni? Hanno presentato Eluana come una donna bella e capace di fare figli, un peso per il padre Beppino. Una serie di finti scoop senza contraddittorio. Non ci sono più pali e paletti, dopo questa storia.




Comunicati su:
[ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Italia ] [ Libertà di religione ] [ Unione Europea ] [ Vaticano ]

Rassegna Stampa su:
[ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Italia ] [ Libertà di religione ] [ Unione Europea ] [ Vaticano ]

Interventi su:
[ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Italia ] [ Libertà di religione ] [ Unione Europea ] [ Vaticano ]


- WebSite Info