sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 maggio 2022 
LunMarMerGioVenSabDom
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

SELEZIONE AGENZIE DI OGGI

REGIONALI/BERSANI: DARE ASCOLTO A BATTAGLIA BONINO Agi - Pier Luigi Bersani difende Emma Bonino, grande assente oggi alla presentazione dei candidati del Pd alle regionali. "Manca Emma Bonino che sta conducendo una battaglia per la piena garanzia di accesso all'informazione e la regolarita' dei meccanismi di autenticazione delle firme", ha ricordato il segretario del Pd, "e' una battaglia a cui si deve dare ascolto". REGIONALI LAZIO/ZINGARETTI: RICHIESTE BONINO SIANO ASCOLTATE Ansa - "Voglio esprimere la mia solidarietà personale a Emma Bonino perché, pur se impegnata con passione e generosità in una durissima campagna elettorale, è costretta allo sciopero della fame e della sete per difendere elementari principi di democrazia e legalità. Faccio appello al Pd e a tutte le forze democratiche affinché, il prima possibile, collaborino per rispondere positivamente alle richieste di Emma Bonino". Lo afferma in una nota il presidente della Provincia di Roma, Nicola Zingaretti. REGIONALI/BONINO: SCIOPERO FAME E SETE CONTRO ILLEGALITA' Ansa - E' un'iniziativa "di speranza e di lotta": così la candidata radicale alla Regione Lazio Emma Bonino ha definito lo sciopero della fame e della sete che inizierà oggi. Una "chiamata alla democrazia" rivolta al governo affinché intervenga contro la "strage di legalità degli ultimi 8 mesi" che "discrimina" i radicali in Rai e nella raccolta firme per presentarsi alle regionali. "Ho posto il problema della legalità e del processo democratico, a partire dalla Rai, fino ai comuni e ai 300 mila autenticatori delle firme che non rispettano quanto previsto dalla legge 43 del 1995", ha spiegato Bonino parlando a Milano a proposito delle presenze politiche nelle trasmissioni Rai e nei tg, del mancato avvio delle tribune politiche, "della manipolazione delle leggi elettorali a campagna in corso" in alcune regioni e dei "sabotaggi" nella raccolta delle firme. Lo sciopero della fame e della sete è quindi, secondo Bonino, un tentativo per "richiamare le istituzioni a porre un limite a questa illegalità con qualche strumento, anche il decreto legge". Ma "non si tratta di chiedere piaceri a nessuno", ha spiegato Bonino a chi le ha chiesto se non si trattasse di un'accusa anche agli alleati del Pd. L'iniziativa "costosissima e pesante" e che inizierà oggi dopo aver letto le analisi sul suo stato di salute non fermera' la sua campagna per le regionali laziali che "continuerò nei limiti delle mie capacità fisiche". Anche se poi, a chi le chiedeva di un possibile ritiro dalla corsa per il Lazio, è tornata a ripetere: 'Decideremo all'ultimo minuto, a livello nazionale, il da farsi'. REGIONALI/BONINO: DI MIE INIZIATIVE HO SEMPRE INFORMATO PD ANSA'Io ho tenuto informato i vertici del Pd dell'andamento della situazione, ne ho parlato in tutti i comizi pubblici e nelle interviste, abbiamo avvertito il Governo, informato il Quirinale. Questa mattina c'era una riunione del comitato elettorale a Roma, ma il nostro interlocutore sono le istituzioni e il Governo'. Lo ha detto la candidata del centro sinistra alla presidenza della Regione Lazio Emma Bonino ai microfoni di RadioRadicale. BONINO: BERLUSCONI IRREQUIETO PER CIO' CHE SI STA SCOPRENDO Ansa - 'Penso che il presidente del Consiglio in questi giorni ha seri motivi per essere preoccupato e irrequieto e fa bene ad averli, anche alla luce di quello che andiamo scoprendo'. Cosi' la candidata del centro sinistra alla presidenza della Regione Lazio Emma Bonino ha commentato le dichiarazioni del Premier Silvio Berlusconi su un Pd 'estremista e laicista' anche per l'alleanza con i radicali REGIONALI LAZIO/SOSTENITORI SUL WEB: EMMA MANGIA DEVI VINCERE Ansa - 'Io sono con te ma mangiate!', 'Emma mangia e bevi, ci servi in forze, devi vincere', 'A volte deve prevalere la real politik: adesso la priorita' e' che tu vinca le elezioni'. Sono alcuni dei commenti allo sciopero della fame annunciato da Emma Bonino comparsi sulla pagina Facebook della candidata del centro sinistra alla presidenza della Regione Lazio. Sulla fan-page 'Emma Bonino Governatrice del Lazio', che ad oggi registra oltre 10.000 iscritti, nelle ultime ore molti cittadini hanno commentato la nuova battaglia della Bonino contro 'l'illegalita' dilagante in questo processo elettorale'. 'Emma Bonino deve vincere le elezioni regionali nel Lazio, dove e' la candidata del centro-sinistra, e non solo della sua lista - scrive Marco -. Per farlo deve mangiare e bere!'. 'Non credo fosse il momento giusto per uno sciopero della fame e della sete anche per una nobile causa', concorda Maria Chiara. 'Ti prego Emma - aggiunge Michi -, devi vincere in Lazio! E ti servono tutte le energie!'. Sul sito www.boninopannella.it invece la notizia e' stata appoggiata da diversi commentatori. Uno dei quali addirittura annuncia: 'Per quello che puo' contare esprimo solidarieta' allo sciopero di Emma, personalmente rinuncero' a mangiare carne e per chi mi conosce sa che e' un grosso sacrificio'. REGIONALI/BONINO: NON CHIEDIAMO PIACERI AL PD, OGNUNO SI COMPORTA COME CREDE Adnkronos - "Non si tratta di chiedere piaceri a nessuno, ognuno si comporta come ritiene. Noi poniamo un problema di legalita' delle istituzioni, l'applicazione dell'articolo 4 della legge 43". Lo afferma Emma Bonino, candidata presidente di Regione Lazio per i Radicali alle prossime elezioni, in merito a un eventuale 'boicottaggio' delle amministrazioni guidate dal Pd sull'autenticazione delle firme per la presentazione delle liste elettorali. "Sono obblighi di legge per tutti", evidenzia Bonino. "I diritti - continua - sono quelli che uno deve esigere, non per gli amici o dagli amici, sono quelle cose che uno esige innanzitutto da chi ne ha la responsabilita'. Normalmente si scambiano i diritti con i piaceri, non e' questo che stiamo ponendo". REGIONALI/BETTINI (PD): GOVERNO NON SIA SORDO A DENUNCIA BONINO Adnkronos - 'Mi auguro davvero che il governo non rimanga sordo rispetto alla denuncia che Emma Bonino ha fatto in merito alla scarsa informazione e alla incertezza, protratta fino a poco tempo fa, delle regole elettorali in molte regioni, che hanno reso difficile la raccolta delle firme per la presentazione delle liste alle prossime elezioni'. Cosi' Goffredo Bettini, membro della direzione nazionale del Partito democratico, commenta l'iniziativa di protesta di Emma Bonino che sta facendo uno sciopero della fame e della sete. 'Il Pd -continua Bettini- deve spingere perche' questa situazione anomala venga in queste ore modificata. Le parole preoccupate di Bersani vanno in questa direzione. Non si tratta di esprimere solo una dovuta solidarieta' alla nostra brava e coraggiosa candidata nel Lazio, si tratta di garantire un pieno funzionamento della democrazia'. REGIONALI LAZIO/MAZZOLI: BATTAGLIA BONINO CONDIVISIBILE Ansa - 'La battaglia di Emma Bonino per ottenere il rispetto delle regole elettorali e' giusta e condivisibile'. E' quanto afferma il segretario del Pd Lazio Alessandro Mazzoli. 'Lo sciopero della fame e della sete - aggiunge - rappresenta un'importante tappa della lotta per la trasparenza e la legalita' che caratterizza la storia della candidata del centrosinistra alla presidenza della Regione Lazio. Il Pd del Lazio - prosegue Mazzoli - approva le ragioni di questo impegno, tanto piu' prezioso in uno scenario come quello attuale, in cui sono riemersi i segnali di una connivenza tra certa politica e il mondo degli affari. I cittadini sapranno riconoscere e valorizzare il coraggio e la coerenza di Emma Bonino - conclude il segretario del Pd Lazio - nonche' la trasparenza del Pd, che per le Regionali varera' liste composte solo da donne e uomini di provata onesta' e competenza'. REGIONALI/BERSANI: NON E' A RISCHIO CANDIDATURA BONINO Asca - La candidatura di Emma Bonino nel Lazio 'non e' a rischio'. Lo ha affermato il segretario del Pd, Pierluigi Bersani, a margine della presentazione dei candidati presidenti del centrosinistra alle regionali. Bersani ha aggiunto che la protesta di Emma Bonino per porre l'accento sulla legalita' 'e' una segnalazione forte che vale per tutti i fronti, dal sistema dell'informazione alle modalita' di presentazione delle candidature. Credo che la sua sia una protesta che vada ascoltata'. REGIONALI/NENCINI: SOLIDALI CON BONINO, NO A ILLEGALITA' Dire - "Sara' anche un'operaziome mediatica come sostiene Storace, ma non c'e' dubbio che l'illegalita' nel processo elettorale e' un rischio per tutti". E' quanto sostiene Riccardo Nencini, segretario del Psi. "Siamo assolutamente solidali con la denuncia della Bonino- prosegue Nencini- e sosterremo in ogni modo tanto la sua protesta quanto la raccolta delle firme per la presentazione delle liste. Storace, e quelli che come lui nel centro destra voltano la testa dall'altra parte, devono stare attenti perche' chiudere gli occhi oggi equivale a indebolire la nostra democrazia e, prima o poi, qualunque partito puo' essere vittima di un sistema che non rispetta nemmeno le leggi che si e' dato".




Comunicati su:
[ Italia ] [ Nonviolenza ] [ Unione Europea ]

Rassegna Stampa su:
[ Italia ] [ Nonviolenza ] [ Unione Europea ]

Interventi su:
[ Italia ] [ Nonviolenza ] [ Unione Europea ]


- WebSite Info