sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 gennaio 2021 
LunMarMerGioVenSabDom
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

LIBIA-CPI/BONINO: "IL PROBLEMA NON E' 'L'OBBLIGO' DI ARRESTO MA COME ESEGUIRLO"

Dichiarazione di Emma Bonino, Vicepresidente del Senato

Roma, 24 marzo 2011 - A seguito della replica del Ministro degli Esteri, on.Franco Frattini, in occasione del dibattito sulle risoluzioni sulla Libia di ieri al Senato*, non essendo prevista la possibilit√† di contro-replica, l'esponente radicale e Vice Presidente del Senato, Emma Bonino, in merito al contenuto delle affermazioni del Ministro riguardo alla giurisdizione della Corte penale internazionale, tiene a precisare che "il Ministro ha ragione quando sostiene che "noi avremmo l'obbligo assoluto gi√† ora di arrestare persone con un ordine di cattura della Corte penale internazionale", dal momento che lo Statuto della CPI √® in vigore in Italia dal 1¬į luglio 2002. Ma proprio perch√© conosco bene le istituzioni internazionali, come precisa il Ministro, gli faccio notare che il problema non √® "l'obbligo" di arresto ma come renderlo esecutivo. Com'√® noto, infatti, tenuto conto della complementariet√† che connota la giurisdizione della Corte, se gli Stati Parte non adeguano il loro ordinamento interno non possono esercitare in via primaria la giurisdizione per i crimini di cui all'articolo 5 dello Statuto (crimini di guerra, crimini contro l'umanit√†, genocidio e aggressione), quindi non sono in grado di collaborare con la Corte. Con quale mandato di arresto si presenterebbero la polizia o i carabinieri per arrestare Al Bashir o Gheddafi? Con quello spiccato dal procuratore della CPI, non legalmente riconosciuto in Italia? Per questo da anni noi radicali chiediamo di adeguare con urgenza l'ordinamento interno ai dispositivi dello Statuto della Corte, proprio per fornire la necessaria base legale per poter attuare "l'obbligo assoluto" citato dal Ministro. Riepilogando: che ci sia "l'obbligo assoluto" di procedere all'arresto √® "pacifico", come dice il Ministro; ma che l'Italia non abbia la base legale per assolvere questo obbligo √® assolutamente pacifico."

 

*"Vengo alla proposta di risoluzione n. 5, a prima firma della senatrice Bonino. Il parere √® favorevole anche se condizionato...Vengo al terzo punto, quando si chiede di ¬ęportare a termine entro il nono anniversario dell'entrata in vigore dello statuto di Roma del 2 luglio 2011 l'adeguamento alle norme contenute nella carta fondativa della Corte penale internazionale¬Ľ. Noi prendiamo ovviamente l'impegno di procedere nel pi√Ļ breve tempo possibile all'adeguamento delle norme interne. Mi permetto di dire, senatrice Bonino, che lei nel suo intervento ha detto qualcosa che il Governo non condivide affatto, cio√® che se il presidente Bashir o il colonnello Gheddafi venissero in Italia non potrebbero essere arrestati. Senatrice Bonino, lei conosce troppo bene le istituzioni internazionali per pensare di far credere che lo Statuto di Roma non sia gi√† ora immediatamente vincolante per l'Italia, anche senza le norme interne. Questa √® giurisprudenza assolutamente pacifica. Noi avremmo l'obbligo assoluto gi√† ora di arrestare persone con un ordine di cattura della Corte penale internazionale. Quindi, non √® per questa ragione che reagisco alle sue affermazioni, ma perch√© √® gi√† ora in vigore per l'Italia quest'obbligo. Ci√≤ detto, il Governo si impegna ovviamente ad accelerare, perch√© √® giusto, l'adeguamento delle norme integrative interne."

(tratto dal resoconto stenografico della seduta pomeridiana di mercoledì 23 marzo)





Comunicati su:
[ Africa ] [ Corte Penale Internazionale e Tribunale Penale Internazionale ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ India ] [ Unione Europea ]

Rassegna Stampa su:
[ Africa ] [ Corte Penale Internazionale e Tribunale Penale Internazionale ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ India ] [ Unione Europea ]

Interventi su:
[ Africa ] [ Corte Penale Internazionale e Tribunale Penale Internazionale ] [ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ India ] [ Unione Europea ]


- WebSite Info