sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 agosto 2020 
LunMarMerGioVenSabDom
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

GIUSTIZIA/BONINO: 146 FIRME PER SEDUTA STRAORDINARIA, SPERO 13/9

9Colonne, 1 settembre 2011 - Hanno raggiunto quota 146 le firme raccolte dai radicali tra i senatori di maggioranza e opposizione per chiedere un seduta straordinaria del Senato sul tema della riforma della giustizia. "Chiediamo che si tratti di questa riforma nella settimana successiva a quella dedicata all'approvazione della manovra, ossia dal 13 settembre", dice Emma Bonino durante una conferenza stampa a Palazzo Madama, ricordando i numeri raggiunti dall'iniziativa: 77 firme tra i senatori del Pd, 46 nel Pdl, 7 Terzo polo Api-Fli, 5 Udc e Autonomie, 5 Coesione nazionale (Io Sud-Fs), 2 Mpa e 4 nel Gruppo Misto. La vice presidente del Senato sottolinea inoltre l'adesione dell'ex presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi e di due altri senatori a vita come Rita Levi Montalcini ed Emilio Colombo, oltre a diversi capigruppo tra cui Anna Finocchiaro (Pd) e Gianpiero D'alia (Udc). Alla Camera le sottoscrizioni di deputati sono ferme a 81 (ma Montecitorio riapre solo il 6 settembre), e anche se quest'ultima può essere convocata di diritto una volta riunito il Senato (articolo 62 della Costituzione), Bonino non nasconde la rilevanza politica del raggiungimento delle firme necessarie a una convocazione straordinaria anche a Montecitorio (ne servono 210, 1/3 dei deputati). Per la seduta in Senato (a decidere la data potrebbe essere la conferenza dei capigruppo di oggi alle 17) il Partito radicale chiederà la presenza del ministro della Giustizia Nitto Palma e si augura che venga approvato un documento (probabilmente una mozione a seguito di dichiarazioni del governo) nel quale si fissino modi e tempi certi per l'esame di provvedimenti come l'amnistia, l'indulto, la depenalizzazione e decarcerizzazione che siano in grado di rendere possibile ed efficace una effettiva riforma della giustizia. "C'è un'emergenza e una necessità di riforma - spiega Bonino a margine della conferenza stampa - e noi speriamo che il 13 e 14 settembre sia l'inizio di un percorso che porti a delle soluzioni concrete".





Comunicati su:
[ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Giustizia ] [ Italia ] [ Unione Europea ]

Rassegna Stampa su:
[ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Giustizia ] [ Italia ] [ Unione Europea ]

Interventi su:
[ Diritti Umani, Civili  & Politici ] [ Giustizia ] [ Italia ] [ Unione Europea ]


- WebSite Info