sito in fase di manutenzione: alcuni contenuti potrebbero non essere aggiornati
 
 agosto 2020 
LunMarMerGioVenSabDom
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31 
CAMPAGNE
MISSIONI

CERCA:

Ministero degli Affari Esteri

Living together - Combining diversity and freedom in 21st-century Europe [Report of the Group of Eminent Persons of the Council of Europe] PDF DOWNLOAD >>

DOCUMENTARIO DEDICATO DA AL-JAZEERA ALLA LEADER RADICALE EMMA BONINO

Cookie Policy

MILLEPROROGHE/BONINO: "SANARE I MANIFESTI ABUSIVI E' INTOLLERABILE"

Dichiarazione di Emma Bonino, Vice Presidente del Senato

Roma, 19 gennaio 2012 - "Sono d'accordo con Mario Staderini e Marco Cappato: la sanatoria per le affissioni illegali è semplicemente in-tol-le-ra-bi-le. E' intollerabile che si dichiari "mai più condoni" e poi il Parlamento si accinga a decretare un salvacondotto per i partiti votando il sesto condono in dieci anni. E' intollerabile che chi ha scelto il rispetto della legalità, anziché la sua sistematica violazione, subisca l'ennesima beffa. E' intollerabile che i Comuni subiscano un grave ammanco dopo aver messo in bilancio le sanzioni e speso milioni di euro dei contribuenti per le rimozioni. E' intollerabile che il Parlamento passi un colpo di spugna su chi fa uso improprio di fondi derivanti da un altro scandalo nazionale, qual'è il finanziamento pubblico ai partiti, ipocriticamente chiamato "rimborso elettorale". E' intollerabile che il processo elettorale e di formazione dell'opinione pubblica sia falsato in maniera così evidente, con i falsari che provvedono poi ad auto-assolversi abusando dei loro poteri.

Tutto ciò è intollerabile dal punto di vista della legalità, oltre che della democrazia. A tutto ciò occorre mettere fine subito, accantonando un emendamento, come sempre rigorosamente bipartisan, presentato al decreto legge "milleproroghe" attualmente in discussione alla Camera. Le sanzioni già comminate per le affissioni abusive delle ultime elezioni amministrative produrrebbero un gettito di almeno 100 milioni di euro: una somma di tutto rispetto - anche in periodi floridi, figuriamoci in questi - sottratta ai cittadini non per coprire, come da retorica, i "costi della politica", ma piuttosto i costi della partitocrazia."





Comunicati su:
[ Giustizia ] [ Italia ] [ Unione Europea ]

Rassegna Stampa su:
[ Giustizia ] [ Italia ] [ Unione Europea ]

Interventi su:
[ Giustizia ] [ Italia ] [ Unione Europea ]


- WebSite Info